Liceo “Ruggieri” di Marsala: conclusa la manifestazione “Libriamoci – Giornate di lettura nelle scuole”

Si è conclusa sabato 31 ottobre “Libriamoci – Giornate di lettura nelle scuole”, manifestazione voluta dal Centro per il libro e la lettura ed inserita tra le iniziative del protocollo d’intesa MIUR – MiBACT. Dal 26 ottobre a sabato scorso in moltissime scuole d’Italia è stata promossa la lettura ad alta voce; il Liceo Scientifico “P. Ruggieri” di Marsala ha dedicato due giornate all’attività, nell’intento di coinvolgere un grande numero di studenti.

Martedi 27 ottobre gli studenti delle quarte classi hanno potuto condividere l’emozione della lettura pubblica con due testimonial di alto livello: Giacomo Frazzita, “anima” dell’Associazione Teatrale “Arco”, attore, regista ed autore di testi teatrali, ed Enrico Russo, attore e regista ma soprattutto“guru” della Compagnia Teatro Nuovo, artefice della rassegna teatrale “Giovinetto di Mozia” che per più di venticinque anni ha accompagnato il pubblico teatrale lilibetano. I due attori hanno magistralmente coinvolto i ragazzi in una lettura che , volendo citare solo alcuni dei testi presentati, spaziava dalla crudezza di “Se questo è un uomo” di P. Levi, passando attraverso la solitudine ed i timori nelle decisioni sul futuro de “La linea d’ombra” di J.Conrad, andando poi al diritto preventivo all’assoluzione acquistato attraverso “La bolla di componenda” di A. Camilleri, testimonianza di una Chiesa del passato corrotta, e da qui verso la mafia, la corruzione politica e l’emigrazione clandestina trattate da L. Sciascia in “Il giorno della civetta” e “Il mare colore del vino”.

Giovedì 29 ottobre, poi, gli studenti delle terze classi si sono riuniti per affrontare il tema “Leggere per comprendere il diverso e l’oggi”. Gli alunni si sono cimentati nella lettura espressiva, riflessiva, recitata e dialogata di poesie, brani e parti di testi che presentano la figura del diverso e dell’altro nella letteratura e nella cultura in generale, dal Medioevo ad oggi. Notevoli sono stati gli spunti di riflessione che hanno coinvolto i ragazzi, facendo scoprire loro l’importanza della lettura ad alta voce che, estrinsecandosi attraverso il valore sonoro della parola, evoca suoni, sensazioni, emozioni, affetti perfino, riconducendo alla lettura delle fiabe, che ciascuno ha sperimentato nella primissima infanzia, con un impatto emotivo fortemente positivo perché proveniente da figure genitoriali o comunque familiari profondamente radicate nel vissuto personale.

views:
97
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive