Sigel Pallavolo Marsala, arriva Terracina: mix di esperienza e di gioventù

Sarà riqualificata grazie al finanziamento di circa 600 mila euro.

Nel presentare la gara di questa settimana bisogna partire dalla inconsueta giornata di svolgimento. La partita si svolgerà infatti domenica alle 17.30 al Palabellina e non sabato come abitualmente avviene per le gare interne della Sigel Pallavolo Marsala, venendo incontro alla richiesta avanzata dalla squadra laziale per ragioni prettamente logistiche. Le lilibetane ospiteranno il Volley Terracina una squadra che in queste prime quattro giornate ha accumulato 6 punti, frutto di due vittorie, (di cui una per 3-2 in casa con Maglie) e di due sconfitte (una delle quali per 3-2 nel difficile campo dell’Arzano).

Coach Carmine Pesce può contare su una squadra concepita in estate per poter migliorare l’ottimo campionato dello scorso anno amalgamando un mix di esperienza e di “sfrontata” gioventù. Pensare alle prossime avversarie della Sigel e non pensare a quell’atleta che più li rappresenta è praticamente impossibile. Daniela Giananneschi è “l’icona” del Volley Terracina. La 37enne schiacciatrice toscana rappresenta la continuità del progetto della società del presidente Iannarilli che l’ha voluta fortemente confermare costruendo attorno a lei un roster di tutto rispetto.

Daniela è il simbolo dell’atleta perfetta: Nonostante l’età passi per tutti, lei ha conservato una eccellente condizione fisica che associata alla sua bravura le consente ancora oggi, dopo aver militato per oltre un decennio nei campionati di serie A e realizzato il sogno della maglia azzurra della nazionale, di essere determinante nelle partite della sua squadra. Grazie ad una condotta di vita esemplare la schiacciatrice toscana (Chianciano) si sente addosso tutta la responsabilità del ruolo e ne ha grande consapevolezza, facendo di questo un suo punto di forza e rappresentando per le più giovani compagne un esempio da seguire.

Uno dei pezzi pregiati del mercato estivo delle biancocelesti laziali è sicuramente la pallegiatrice Virginia Alfieri, ex Bari e Altamura, ma anche ex Caserta e Sala Consilina. La 32enne alzatrice pugliese (Canosa di Bari) ha messo la sua esperienza a servizio di coach Carmine Pesce, che potrà contare non solo sulla sua “lucidità” in cabina di regia ma anche sul suo apporto a muro grazie ai 182 centimetri di altezza che ne fanno una tra le alzatrici più alte del girone. Altro elemento di esperienza e conosciutissima dal pubblico marsalese è la centrale Laura Orsi (185 cm.) protagonista lo scorso anno di una grande stagione nelle file del Cisterna di Latina con cui ha vinto il campionato per poi fermarsi ai play off.

Anche Laura ha superato la soglia dei trentanni (classe 1984), ma la sua classe e la sua professionalità ne hanno sempre fatto un’atleta esemplare, forte in attacco e a muro, rappresenta una garanzia nel suo ruolo. L’altra centrale è la napoletana Filomena Afeltra (classe 1986), ex S. Vito dei Normanni, lei in termini di centimetri non è certo meno della compagna di reparto (cm. 186) che, associati alla sua potenza, ne fanno un temibile terminale d’attacco.

Giovanissima è invece l'”opposto” del Volley Terracina che risponde al nome di Ludovica Rossi. Ludovica, romana di Genzano, classe 1992, mancina, ex compagna di squadra della nostra Maria Laura Patti nell’esperienza fatta insieme lo scorso anno a Ostia, interpreta bene il suo ruolo, coniugando al meglio la “sfrontatezza” della sua giovane età con la “potenza” della sua Fisicità. Per Federica Giglio, l’altra schiacciatrice laziale, si tratta invece di un gradito ritorno tra le file biancocelesti. Federica, infatti, ha già giocato a Terracina e adesso dopo la parentesi con Frosinone e Friends Roma, ha trovato il modo per tornare, con la dichiarata voglia di prendersi ancora delle belle soddisfazioni.

Il difficile ruolo di libero è affidato alla giovane Martina Lorenzini (classe 1992) l’anno scorso con il Frascati. Ottima ricezione e grande temperamento sono le principali doti di Martina e siamo certi che domenica prossima a Marsala ne apprezzeremo il valore. Una menzione merita, infine, Graziana Caputo, pugliese, di Manduria, classe 1993, ex San Vito dei Normanni, brava ma sfortunata. Un infortunio sta costringendo ai box la forte schiacciatrice pugliese, penalizzandola oltre misura in questo inizio di campionato.

Come si può comprendere da questa breve disamina non sarà una partita facile per le “sigelline” che dovranno fare i conti con una compagine agguerrita e che verrà a Marsala con l’intento di portare via punti importanti, come, tra l’altro, è riuscita a fare appena qualche settimana fa ad Arzano contro l’attuale seconda in classifica.

” Conosciamo il valore di atlete come la Giananneschi e la Orsi, e non possiamo abbassare la guardia – suggerisce il Ds marsalese, Maurizio Buscaino – il nostro è un girone estremamente equilibrato e tutte le squadre sono in grado di poter vincere a destinazione, per cui dobbiamo stare molto attenti a non sbagliare l’approccio della partita. Sono certo che il pubblico saprà dare una spinta in più alle nostre ragazze e che l’entusiasmo che si respira attorno alla squadra possa fare da spinta per poter assistere ancora una volta ad una nostra bella impresa”.

Fischio di inizio alle 17.30, designata una coppia di arbitri della federazione torinese, Cosimo Birtolo (1° arbitro) e Andrea Alice (2* arbitro).

 

Foto di Salvatore Gucciardi

kia_subtitle:
Sarà riqualificata grazie al finanziamento di circa 600 mila euro.
views:
179
ftf_open_type:
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive