Marsala, compra case all’asta ma dopo 2 anni le trova distrutte

Nelle due abitazioni sono state rubate le porte interne e devastati, a picconate, tutti i sanitari

Acquista due case a un’asta del Tribunale di Marsala, ma quando, due anni e mezzo dopo, sta per entrarne in possesso qualcuno le devasta, appiccando anche il fuoco a uno dei due immobili. È quanto è accaduto a un giovane agricoltore di Trapani, Luigi Bosco, che nel 2013 acquistò gli immobili, uno accanto all’altro all’interno della stessa proprietà in una contrada del versante nord di Marsala, in una procedura esecutiva.

Nelle due abitazioni sono state rubate le porte interne e devastati, a picconate, tutti i sanitari dei bagni. In una delle due abitazioni il fuoco non ha ridotto in cenere il mobilio solo perchè questo non c’era più, ma ha completamente distrutto gli impianti elettrici e idrico. Si presume che l’abbia portato via l’ex proprietaria quando, lo scorso mese, si è rassegnata a lasciare le due case.

Anche la seconda abitazione stava per essere incendiata (ammassati nel salone pezzi di legno, un copertone d’auto, plastica e latte di vernice, tutto già imbevuto di benzina e gasolio), ma il fuoco non è stato appiccato forse perchè gli attentatori, magari avendo udito rumori all’esterno, sono fuggiti. Sull’accaduto indagano i carabinieri di Marsala, nel tentativo di scoprire gli autori della devastazione. [Gds.it]

kia_subtitle:
Nelle due abitazioni sono state rubate le porte interne e devastati, a picconate, tutti i sanitari
views:
166
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive