Gli spuntini notturni danneggiano la memoria

Non godono di un'ottima reputazione, ospettati di rovinare la silhouette

Lo spuntino di mezzanotte potrebbe danneggiare la memoria oltre che il girovita. E’ quanto suggerisce uno studio su animali pubblicato sulla rivista eLIFE e condotto da Dawn Loh della University of California, Los Angeles che – sul magazine New Scientist – ha riferito: questi risultati potrebbero essere validi anche per le persone.

Gli spuntini notturni non godono di un’ottima reputazione perché in diversi studi sono stati sospettati di rovinare la silhouette. In questo esperimento, su topi, i ricercatori hanno indagato l’effetto degli spuntini notturni sulle funzioni cognitive (memoria e apprendimento).

Il team di Loh ha osservato due gruppi di topi, il primo che manteneva i propri ritmi (i topi sono animali notturni, mangiano di notte dormono di giorno); al secondo gruppo, invece, erano serviti degli spuntini nella fascia oraria in cui normalmente i topi dormono.

E’ emerso che gli animali che indulgono in spuntini nelle ore in cui dovrebbero dormire – nonostante nel complesso non dormano meno degli altri topi – mostrano sensibili defaillance mnemoniche e cognitive. Inoltre presentano anomalie nei livelli di certe proteine coinvolte in apprendimento e memoria.

E’ presto per dire se lo stesso avvenga quando noi indulgiamo in qualche spuntino notturno ma secondo Loh questi risultati potrebbero essere validi anche per gli esseri umani; non a caso i lavoratori notturni – che spesso mangiano di notte – presentano performance inferiori a diversi test cognitivi.

kia_subtitle:
Non godono di un'ottima reputazione, ospettati di rovinare la silhouette
views:
150
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive