Carnevale Petrosino, “New Generation” premiato come miglior Gruppo. Ecco l’inno

C'un coippo di sirena 'u paziente si rasserena - Ascolta il brano scritto da Peppe Amato

Il Gruppo “New Generation” ha presentato per il Carnevale Petrosino “C’un coippo di sirena ‘u paziente si rasserena”. Il pubblico ha condiviso e apprezzato la scelta dei ragazzi e la giuria li ha premiati come miglior “Maschera 2016”! Soddisfazione per il gruppo di giovanissimi che per la prima volta ha partecipato ufficialmente al Carnevale Petrosino.

I “New Generation” sono: Dario Tumbarello, Salvatore Di Bella, Sofia Tumbarello, Sofia Lombardo, Silvia lenna, Sofia Russo, Silvia Bottiglia, Chiara Di Bella, Debora Di Bella, Giulia Cerreto, Lucrezia Palermo, Dalila Di Dia, Alessio Marino, Benedetto Giacalone, Antony Godino, Vincenzo lenna, Vito Prinzivalli.

L’Inno è stato scritto da Peppe Amato (musica). E da Enzo e Dario Amato, Mirella e Maria Vita Maggio (testo). E’ cantato da Peppe Maggio.

Il Testo della Canzone

C’un coippo di sirena, ‘u paziente si rasserena
di Peppe Amato – Enzo e Dario Amato, Mirella e Maria Vita Maggio

Foisse è megghio stare male senza ire o spitale – E si ci arrivi viri quanta fila c’è di fare – I’nfimmeri e duttura hanno sempe i so’ chiffare – Cafè e cellulare, “a sigaretta m’a fumare”. Ma sa panza ti fa male, l’ambulanza unn’ha chiamare – Foisse è qualche pirito di ittare – Ti cummene sbacantare tri chintali di mangiare – Ti cunsigghio di un sbafare cchiù. C’un coippo di sirena, ‘u paziente si rasserena – Quasi quasi un si lamenta cchiù – Ti mettono na barella, oppuro na carrozzella – Du spitale un sae si nesci cchiù. Si tu vae nall’otorino ti controlla ‘u pisellino – “Me mugghiere dice chi unnu sente cchiù” – Si ti mannano ‘u parrino, t’a scantare ru bicchino – Chi to pere n’casa un toinni cchiù. Pi un pallare ri duttura chi ci su sulu pi fiura – Si susino ‘a matina pi fare a timbratura – Si i chiame o cellulare e ci rici di tuinnare – “A spisa haio ri fare, ‘u paziente pò aspittare”. Si stae fora a travagghiare e in Sicilia voi tuinnare – A legge 104 puoi sfruttare – ‘U chirurgo toe fidato, d’u politico mpustato – Foisse è megghio si un travagghia cchiù. C’un coippo di sirena, ‘u paziente si rasserena – Quasi quasi un si lamenta cchiù – Ti mettono na barella, oppuro na carrozzella – Du spitale un sae si nesci cchiù. Si tu vae nall’otorino ti controlla ‘u pisellino – “Me mugghiere dice chi unnu sente cchiù” – Si ti mannano ‘u parrino, t’a scantare ru bicchino – Chi to pere n’casa un toinni cchiù. C’un coippo di sirena, ‘u paziente si rasserena – Di sta sanità un sinni pò cchiù!

Media

ftf_open_type:
kia_subtitle:
C'un coippo di sirena 'u paziente si rasserena - Ascolta il brano scritto da Peppe Amato
views:
1829
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive