Marsala, aggredisce e minaccia i Carabinieri: arrestato 29enne marsalese

Nei pressi di Porta Nuova, un noto spacciatore si avvicinava ad una vettura parcheggiata...

Nell’ambito dei servizi che quotidianamente i militari dell’Arma svolgono su tutta la giurisdizione della Compagnia di Marsala per la prevenzione e la repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, lo scorso venerdì una pattuglia dell’Aliquota Radiomobile, diretta dal Mar.A.s.ups. Antonio Pipitone, mentre perlustrava la zona del centro storico notava, nei pressi di Porta Nuova, un noto spacciatore marsalese mentre, con fare circospetto, si avvicinava ad una vettura parcheggiata lungo la strada con a bordo due ragazzi. Insospettiti dalla circostanza, i militari decidevano di osservare più da vicino l’evento e, una volta appurato che il soggetto si era affacciato all’interno della macchina dal lato passeggero, intervenivano fermando i tre.

Da una prima ispezione dei tre soggetti, tra le mani di uno di loro, Gianpiero Lombardino, 29enne marsalese, venivano rinvenute diverse dosi di marijuana confezionate con della carta stagnola. Per tale motivo i militari decidevano di sottoporre tutti a perquisizione personale finalizzata alla ricerca altra sostanza stupefacente. Questa decisione faceva imbestialire il Lombardino che tentava più volte di divincolarsi dagli operanti adducendo banali scuse per cui si sarebbe dovuto allontanare. Il diniego a tale richiesta peggiorava la situazione al punto che lo stesso iniziava ad inveire ad alta voce nei confronti dei Carabinieri, dimenandosi e scalciando anche contro l’autovettura di servizio che era lì parcheggiata.

Alla scena assisteva un cospicuo numero di persone accorse per via della confusione che si stava creando. La resistenza opposta dal ragazzo era tale da costringere i due operatori a richiedere alla Centrale Operativa l’invio di rinforzi atteso che il Lombardino insisteva a non voler essere sottoposto all’atto di Polizia Giudiziaria, facendo di tutto per impedire al personale in divisa di controllarlo. Solo con l’arrivo di un’altra pattuglia si riusciva a bloccare completamente il soggetto che veniva fatto salire all’interno della Gazzella non senza qualche difficoltà per via dei calci che venivano sferrati alla portiera della macchina nel tentativo di non farla chiudere. Una volta giunti in caserma il Lombardino continuava ad opporre resistenza ai militari, insultandoli e minacciandoli di ripercussioni future. Purtuttavia la perquisizione proseguiva consentendo di rinvenire un’ulteriore modica quantità di sostanza stupefacente del tipo marijuana, all’interno della giacca.

A tal punto, considerando l’enorme resistenza fisica del Lombardino, nel tentativo di eludere ed impedire il controllo dei militari, anche in virtù del fatto che lo stesso non aveva avuto remore ad insultarli e minacciarli sulla pubblica via davanti a molti passati intervenuti, i Carabinieri, ultimati gli atti e gli accertamenti sul suo conto, procedevano a dichiararlo in stato di arresto per Resistenza a Pubblico Ufficiale ed a segnalarlo alla prefettura per via della sostanza stupefacente rinvenuta. Su disposizione del PM di turno della locale Procura della Repubblica, il Lombardino veniva ristretto agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida che si sarebbe tenuta l’indomani mattina.

All’esito della stessa, l’A.G. lilybetana convalidava l’operato dei militari dell’Arma, ravvedendo nel comportamento del Lombardino gli estremi del reato di resistenza a P.U. senza applicare alcuna misura cautelare poiché incensurato.

views:
2879
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Nei pressi di Porta Nuova, un noto spacciatore si avvicinava ad una vettura parcheggiata...
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive