Era una pallavolo “povera” fatta di scarpe, maglietta e pantaloncini che costavano 10.000 lire

Raduno Provinciale pallavolisti, una iniziativa “unica” nel suo genere li ha rimessi tutti insieme

Raduno Provinciale pallavolisti. Hanno fatto pallavolo da quando avevano tredici anni. Lo hanno fatto quando i campi erano all’aperto e i palazzetti soltanto nei loro sogni. Quando i palloni pesavano “un accidente”, magari sotto l’acqua e il vento. Era una pallavolo “povera” fatta di scarpe, maglietta e pantaloncini che tutti insieme costavano appena 10.000 lire (era il tempo della lira!!!).

Per rimetterli insieme e rievocare quei tempi, per riviverli, magari solo per una sera, sono bastate alcune telefonate e l’attivazione dei nuovi sistemi di comunicazione (da facebook a whatsapp).

Nei locali accoglienti di una pizzeria marsalese, grazie all’iniziativa di alcuni di loro, venerdi della scorsa settimana si sono rivisti e riabbracciati, con qualche punta di emozione. Un “mucchio selvaggio” di vecchie glorie della pallavolo trapanese ha dato vita a un “flash mob” sportivo e mangiereccio senza precedenti.

Una iniziativa “unica” nel suo genere li ha rimessi tutti insieme. Avversari a quei tempi, oggi “nostalgici” della pallavolo , hanno condiviso per una sera “la gioia” di rivivere i migliori anni della loro vita! Giocatrici e giocatori della provincia che hanno fatto la storia di questo splendido sport nel nostro territorio tutti insieme “appassionatamente”.

Dalle atlete della Tricolore e della Pgs che per primi portarono il nome di Marsala nella seconda serie nazionale (allora dopo la serie A “unica” c’era la serie B, anch’essa “unica”), a chi addirittura calcò i campi della serie A maschile, come i giocatori del Volley Club Campobello. Ma anche semplici “panchinari” oppure allenatori di ieri con la vocazione a fare il presidente oggi.

views:
461
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Raduno Provinciale pallavolisti, una iniziativa “unica” nel suo genere li ha rimessi tutti insieme
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive