Omicidio Bose: concessi i domiciliari al presunto assassino Alessandro Bulgarella

Trapani - Il lavapiatti è accusato di aver ucciso nel dicembre 2013 la nigeriana Bose

Concessi, su istanza dell’avvocato difensore Nino Sugamele, gli arresti domiciliari ad Alessandro Bulgarella, il lavapiatti di Valderice accusato di aver ucciso nel dicembre 2013 la nigeriana Uwadia Bose. La donna, che viveva a Palermo con il compagno e i due figlioletti, si spostava a Trapani per prostituirsi e raccogliere, così, la somma necessaria a pagare il suo debito con chi l’aveva fatta giungere in Italia.

Il suo cadavere venne rinvenuto nei pressi del cimitero comunale di Custonaci, dietro ad un chiosco per la vendita di fiori. Le indagini condotte dai Carabinieri si indirizzarono nell’ambiente dei frequentatori di prostitute fino a giungere, dopo una serie di interrogatori, controlli di tabulati telefonici e servizi di osservazione e pedinamento, a stringere il cerchio attorno a Bulgarella.

views:
520
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Trapani - Il lavapiatti è accusato di aver ucciso nel dicembre 2013 la nigeriana Bose
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive