Rovinati dalle macchinette-gioco dei bar: una dipendenza sfascia famiglie

di Enzo Amato - E' una truffa! Lo Stato distribuisce i premi in modo che il suo bilancio resti sempre in super attivo

Vi vorrei parlare del triste e grave problema dei giocatori accaniti delle “macchinette slot” e “videopoker” dei bar e delle conseguenze che hanno sull’uomo e sulle famiglie di oggi. Questa “malattia-dipendenza” si sta facendo sempre più cronica. Aumenta la crisi economica e aumentano le persone che cercano fortuna con questo tipo di “gioco”.

Continuo a vedere persone che stanno ore ed ore attaccate alle macchinette “mangia soldi” e “rovina famiglie”, continuo a sentire persone che sono convinte che l’uomo è superiore alla macchina… Solo che la macchina è costruita dall’uomo per far sì che l’uomo venga frodato e spesso rovinato dalla illusione chiamata “vincita”. Come se giocare a carte con un computer “taroccato” potesse migliorare definitivamente la vita di un disgraziato qualunque. Ricordiamoci che il banco vince sempre!

Ci sono sempre più famiglie rovinate da queste macchinette ri-programmate per non far vincere mai e da tutte le lotterie varie che ci sono in Italia. Famiglie che “fanno la fame”, mentre un componente di questa, che sia uno dei genitori o il figlio, spende quel poco che hanno per questi giochi rischiosi, legalizzati dallo Stato. Anche il gratta e vinci (di nuovo in super voga) è un gioco d’azzardo vero e proprio: la vincita è dettata unicamente dalla sorte.

E’ una truffa! Lo Stato distribuisce i premi in modo che il suo bilancio resti sempre in super attivo. Il prezzo medio-basso del biglietto offre una illusoria speranza di svolta della propria vita e così se ne compra uno, tanto per provare, poi ancora un altro e via dicendo. C’è gente che si è rovinata in questo modo, ma nessuno se ne occupa, nessuno parla di tutto ciò.

Gli italiani sono primi al mondo per giochi d’azzardo, per oltre mezzo milione di persone è diventata una grave malattia psichica che crea dipendenza. Si stima che nel 2016 in Italia spenderemo oltre 100 miliardi di euro. Un picco raggiunto in pochi anni, e per di più in costante aumento. Migliaia di persone rovinate raccontano di essersi indebitate proprio a causa dell’azzardo.

Un introito enorme per lo Stato, che infatti incentiva il vizio che è diventata una vera e propria patologia. Una forma di dipendenza da cui è più difficile liberarsi che da droga e alcol, e in molti casi ha portato addirittura al suicidio, rovinando se stessi e la famiglia. E proprio le persone più vulnerabili sono quelle a rischio: disoccupati, casalinghe sole, giovani senza punti di riferimento…

Per il gioco c’è chi perde il lavoro, chi chiude i negozi e le imprese, chi manda in rovina sé, la famiglia, i dipendenti. Poco contano le giustificazioni istituzionali. Chi ci governa dice che lo Stato, appropriandosi dell’azzardo, lo sottrae alla malavita organizzata. Insomma, combatte il vizio con il vizio.

Ci vuole anche tanta “fantasia” per governare un Paese come l’Italia! Cerchiamo di aiutare le persone che conosciamo direttamente, spieghiamo loro che la “famiglia” ha bisogno di certezze e non di sogni e speranze di vincita, di illusioni.

La certezza che spesso molti hanno nel lavoro che, proprio per la speranza di vincere e migliorare lo stato sociale, molte volte perdono definitivamente.

Enzo Amato

views:
1720
ftf_open_type:
kia_subtitle:
di Enzo Amato - E' una truffa! Lo Stato distribuisce i premi in modo che il suo bilancio resti sempre in super attivo
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive