Porto e Marsala siglano un’intesa per future collaborazioni

Ecco i punti salienti dell'intesa tra Porto e Marsala. Oltre al sindaco Moreira, presente anche l'ambasciatore portoghese in Italia

Entrambe hanno un vino liquoroso che ne porta il nome. “Capitale europea della cultura” (2001) Porto; “Capitale europea del vino” (2013) Marsala. Patrimonio dell’Umanità (1996) il centro storico della città portoghese; in corsa per una candidatura all’Unesco le saline, lo Stagnone e Mozia. Sono queste le principali affinità tra le due Municipalità che ieri – rappresentate dai sindaci Rui Moreira e Alberto Di Girolamo – hanno siglato un preliminare accordo di gemellaggio.

L’intesa è stata raggiunta nel corso di un incontro a Palazzo Municipale, alla presenza di alcune Aziende vinicole e della stampa. “È un primo passo verso una più ampia collaborazione tra le due città accomunate dalla cultura e da quella del vino in particolare, ha affermato il sindaco Alberto Di Girolamo. Ho voluto che a questo incontro presenziassero anche le Aziende vinicole, a significare che il sostegno dei privati è fondamentale per avviare azioni di sviluppo del territorio”.

Dopo avere ringraziato l’Amministrazione per l’accoglienza e l’invito ad assistere alle celebrazioni dell’11 maggio, il sindaco Rui Moreira ha così esordito: “La cultura è tutto ed è su questo che ci dobbiamo concentrare. Cinesi e americani vanno più in fretta di noi, ma non hanno conosciuto quella cultura greca e fenicia che ci distingue nel mondo. A fine anno saremo onorati di ricambiare l’ospitalità ricevuta a Marsala”.

Parole di soddisfazione per l’iniziativa hanno espresso Manuel Lobo Antunes (ambasciatore del Portogallo in Italia), l’assessore Clara Ruggieri che ha seguito la delegazione e il dr. Dario Cicero che ha contribuito a rendere possibile l’incontro a Marsala, “città che amo e che sono felice di avere servito”. Oltre alle domande dei giornalisti, spazio anche agli interventi di titolari e rappresentanti aziendali: Stefano Caruso (Caruso&Minini), Carlo Martinez (vini Martinez), Giacomo Barraco (Cantina Paolini), Gianfranco Paladino (Alcesti), Vito Arini (vini Arini), Giuseppina De Bartoli (Marco De Bartoli), Giuseppe Saladino (Cantina Birgi) e Vitiana Montalto (Vinci vini).

Porto-e-Marsala-siglano-intesa-per-future-collaborazioni-di-girolamo

QUESTI I PUNTI SALIENTI DELL’INTESA TRA PORTO E MARSALA

Le parti, come sopra rappresentate, dichiarano e concordano sul fatto che la vita sociale e culturale, stante le affinità delle due realtà, possa avere importanti momenti di incontro – sia a Marsala che a Porto – con una forma di scambio e di partenariato. Marsala e Porto si impegnano, a tal riguardo, a favorire lo scambio di artisti, scuole di musica, associazioni, gruppi ed organizzazioni culturali. La Città di Marsala e la Città di Porto porranno in essere iniziative finalizzate allo sviluppo e alla promozione dei territori e delle loro peculiarità per incentivare forme di turismo nei confronti dei due Enti. Viene previsto, in tale ottica, lo scambio di partecipazioni istituzionali a fiere, mostre e manifestazioni di grande interesse. Per lo sviluppo socio-economico delle due comunità verranno posti in essere rapporti sociali ed economici tra aziende, associazioni e organizzazioni commerciali. La Città di Marsala e la Città di Porto, inoltre, cercheranno di incentivare scambi professionali fra i vari settori economico-produttivi e, in particolare, nei settori del Turismo e dell’Agricoltura. Marsala e Porto, con prevalente economia agricola, si attiveranno per lo sviluppo socio-commerciale dei beni prodotti nei rispettivi territori non solo scambiandosi esperienze e visite ma anche partecipando congiuntamente a iniziative professionali di grande spessore, fiere internazionali anche in nazioni extraeuropee dove i mercati italiani e portoghesi potrebbero trovare nuovi bacini di mercato. Nell’ambito della cooperazione europea, Marsala e Porto – con un’apposita programmazione e progettualità – incentiveranno la collaborazione tra il Governo locale e le organizzazioni non governative. Essi si sforzeranno di intensificare la cooperazione non solo nei campi sopra citati ma anche in quelli della protezione ambientale e della conservazione dell’identità culturale. La collaborazione verrà realizzata, principalmente, nello spirito di integrazione europea e secondo le direttive fissate dagli Organismi Comunitari. Per svolgere l’attività connessa al partenariato, nei campi citati nel presente accordo, verrà chiesto un contributo finanziario all’Unione Europea. Le parti si supporteranno reciprocamente, con l’intervento dei propri uffici di competenza, nelle fasi di predisposizione e di presentazione dei progetti. La Città di Marsala e la Città di Porto convengono che la validità del presente Accordo è illimitata e avrà decorrenza dalla firma ufficiale. Il mantenimento del gemellaggio dipenderà dalla volontà dei due Enti e dalla effettiva partecipazione all’Accordo. Il presente atto di pre-gemellaggio viene letto, confermato e sottoscritto. MARSALA, 12 maggio 2016

 

views:
553
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Ecco i punti salienti dell'intesa tra Porto e Marsala. Oltre al sindaco Moreira, presente anche l'ambasciatore portoghese in Italia
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive