Salvataggio alla Riserva dello Zingaro: tedesca soccorsa “casualmente” da marsalesi

Nell'equipaggio c'era il dott. Angelo Caradonna, il dott. Giacomo Urso e l'infermiere Vincenzo Di Girolamo. Lavorano presso l'ospedale Paolo Borsellino

“Salvataggio” e soccorso straordinario ieri pomeriggio, intorno alle ore 19, alla Riserva dello Zingaro. Una turista tedesca si era fratturata la gamba e cercava aiuto e soprattutto aveva bisogno di essere trasportata ad un pronto soccorso. Nel frattempo, casualmente, un gruppo di subacquei con un gommone facevano immersioni ricreative a Castellammare, vicino proprio alla Riserva dello Zingaro. Nell’equipaggio c’era il dottore Angelo Caradonna (proprietario del gommone), il dottore Giacomo Urso e l’infermiere Vincenzo Di Girolamo. Tutti e tre lavorano presso l’ospedale Paolo Borsellino di Marsala. Caradonna, di Salemi, è responsabile dell’UOC di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Marsala.

Mentre facevano, come dicevamo, immersioni ricreative, al ritorno si sentono chiamati da un gruppo di persone ferme al percorso della Riserva. Avvicinandosi, i tre, hanno notato che c’erano delle divise delle Forze dell’ordine, Guardie forestali e soccorritori del 118 (non medici e infermieri) che si accingevano là dopo quasi un’ora di cammino a piedi, perché non c’è alcuna possibilità di arrivare con mezzi di emergenza o mezzi privati, nessuna possibilità. C’è solo un viottolo dove si può solamente camminare a piedi. Con l’aiuto di questi, i tre “soccorritori”, hanno sceso la signora tedesca infortunata dalle rocce fino ad una spiaggetta (una caletta dello Zingaro), l’hanno caricata a bordo del gommone privato, hanno allertato il 118 di Palermo-Trapani che prontamente hanno fatto arrivare sul molo, dal Porto di Castellemmare, una ambulanza. Da lì, successivamente, la signora è stata accompagnata all’ospedale per le dovute cure.

Finisce, quindi, a lieto fine la vicenda. Facce risolute, dopo quasi due ore di preoccupazione e dolore tremendo per la signora sessantenne. Una “coincidenza” quasi miracolosa, molto casuale. Fortunata la turista tedesca (insieme a lei c’era anche la figlia 30enne, il marito coetaneo e altri bambini che sono rimasti alla Riserva, in attesa di tornare ad Alcamo, dove alloggiano per la vacanza), visto che oltre ad essere stati soccorsi per una coincidenza (trovando anche dottori e infermiere) era veramente difficile, a quell’ora, trovare dei gommoni presenti alla Riserva dello Zingaro.

Enzo Amato

 

views:
7554
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Nell'equipaggio c'era il dott. Angelo Caradonna, il dott. Giacomo Urso e l'infermiere Vincenzo Di Girolamo. Lavorano presso l'ospedale Paolo Borsellino
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive