Marsala, Massimo Grillo: “E’ questa la nuova politica?”

"Il più importante contratto il sindaco lo ha sottoscritto con i cittadini marsalesi e finora è venuto meno a tutto, compreso il piano rifiuti e le imposte che ha aumentato"

Massimo Grillo dopo l’intervento in consiglio Comunale “aperto” sul Piano rifiuti torna sull’argomento con una nota inviata alla stampa ed ai consiglieri comunali di Marsala per indicare le proposte necessarie per salvaguardare la città, le famiglie marsalesi ed i lavoratori oggi occupati nel servizio urbano.

“In Consiglio Comunale ho fatto presente – dichiara Grillo – che il Comune di Marsala diversi anni addietro ha opportunamente espropriato una vastissima area di diversi ettari, per ragioni di pubblica utilità, impegnando risorse anche per tecnici e collaudatori, da destinare ad impiantoper la realizzazione di una discarica controllata in località Capofeto per l’implementazione della raccolta differenziata. Un’iniziativa di notevole rilievo che l’Amministrazione Di Girolamo ha ignorato. La realizzazione del progetto per una discarica controllata nel Comune di Marsala consentirebbe di abbattere i costi dell’appalto di ben 3 milioni di euro ed in più, realizzata l’opera, di potere avere notevoli entrate economiche per la gestione dei rifiuti. Con l’attuale emergenza rifiuti se solo i comuni a confine della nostra città conferissero rifiuti nella nostra discarica avremmo risparmi milionari a vantaggio delle nostre famiglie che non sarebbero costrette a pagare imposte onerose. L’atteggiamento dell’Amministrazione Di Girolamo è davvero inspiegabile”.

Massimo Grillo chiede inoltre di valutare la costituzione di una società mista, così come aveva anticipato in campagna elettorale, per fronteggiare con una logica aziendale i servizi della raccolta differenziata, ma anche della pulizia delle spiagge, della lettura dei contatori del servizio idrico e perché no della gestione della pubblica illuminazione e dei piani di risparmio energetico.

“Marsala – afferma Massimo Grillo – sta perdendo tempo ed occasioni che potrebbero definitivamente compromettere la stabilità economica del Comune. Nel contesto di una Pubblica Amministrazione moderna, orientata a perseguire obiettivi di efficacia, efficienza ed economicità e a garantire un’azione trasparente ed imparziale, l’attività contrattuale diventa un ambito di importanza strategica”.

“Come si spiega – continua Massimo Grillo – che ad un anno dalla elezione del sindaco non si è riusciti a definire le procedure di gara per la gestione dei rifiuti? Non posso e non voglio pensare che l’Amministrazione intenda prorogare il contratto milionario ad Aimeri Ambiente, ma se dovesse accadere cosa significherà? Che l’Amministrazione ha interessi con Aimeri? Certamente no! Ma la conclusione sarebbe che fin qui è stata davvero incapace ed inadeguata. La responsabilità, di quanto accade, non può essere caricata in capo ai funzionari che sono costretti ad occupare il ruolo dirigenziale di diversi settori, anche qui perché il sindaco appena eletto non ha incaricato nuovi dirigenti”.

Conclude Massimo Grillo: “Il dott. Fiocca, l’ing. Patti ed il segretario Comunale Bernardo Triolo, infatti, sono costretti a caricarsi del lavoro di ben 10 settori ed in più sono stati incaricati di ulteriori responsabilità esterne ‘temporaneamente’, come accaduto per Marsala Schola dove occupano il ruolo di presidente e direttore”. Massimo Grillo ringrazia i consiglieri Comunali ed i Gruppi politici di maggioranza ed opposizione disponibili al confronto e li invita ad emendare il Piano della Esper valutando anche le proposte segnalate in Consiglio. “Il più importante contratto il sindaco lo ha sottoscritto con i cittadini marsalesi e finora è venuto meno a tutto, compreso il piano rifiuti e le imposte che ha aumentato! E’ questa la nuova politica?”.

views:
5957
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Il più importante contratto il sindaco lo ha sottoscritto con i cittadini marsalesi e finora è venuto meno a tutto, compreso il piano rifiuti e le imposte che ha aumentato"
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive