Barbera e Marino contro l’emendamento della soppressione della doppia preferenza di genere

"Già è grave che sia necessaria una legge per la tutela della parità di genere in politica, in Sicilia si tenta di tornare al medioevo"

Già è grave che sia necessaria una legge per la tutela della parità di genere in politica, in Sicilia si tenta di tornare al medioevo! Essere donna, di per se, non è un compito facile, essere donna e occuparsi di politica è ancora più difficile, essere donna occuparsi di politica in Sicilia è come scalare il Monte Bianco a mani nude! All’assemblea Regionale Siciliana si sta consumando l’ennesimo sopruso nei confronti delle donne. In aula si vota per la cancellazione della doppia preferenza di genere.

“Sia chiaro a tutti – affermano le segretarie Vita Barbera e Cathy Marino della segreteria provinciale di Trapani – che il Psi è contro l’emendamento che riguarda la soppressione della doppia preferenza di genere alle elezioni amministrative. Dopo che il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone, ieri pomeriggio, nel corso dei lavori d’Aula, aveva dichiarato l’inammissibilità dell’emendamento quanto accaduto oggi in Commissione Affari istituzionali costituisce un fatto grave, oltre che un errore da segnare in rosso”.

Cathy Marino
Vita Barbera
Segreteria provinciale PSI Trapani

views:
517
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Già è grave che sia necessaria una legge per la tutela della parità di genere in politica, in Sicilia si tenta di tornare al medioevo"
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive