Esper, “Ulteriori chiarimenti sul nuovo Piano di Marsala”

"Il resoconto stenografico seduta del Consiglio comunale del 14 giugno 2016 e il Piano economico finanziario del comune del 2016"

Anche oggi continua senza sosta l’azione di diffusione di informazione false da parte della redazione della testa MarsalaNews in merito al Piano di Intervento redatto con il supporto tecnico della ESPER da parte del Comune di Marsala iniziata con articolo dal titolo “Marsala, aumenteranno di 3 milioni di euro i costi del servizio di raccolta rifiuti e pulitura strade” e continuata anche dopo che la testata aveva ricevuto dalla ESPER tutti i documenti ed i chiarimenti che hanno completamente smentito tali assurdi farneticamenti.

Anche oggi tale testata continua ad insistere nel tentativo di confondere i propri lettori tentando di attribuire al Direttore generale della ESPER affermazioni che confermano le proprie assurde tesi. Basterebbe invece esaminare l’allegato resoconto stenografico del consiglio comunale aperto del 14 giugno per verificare che il Dott. Tornavacca ha evidenziato più volte che il costo a base di gara quantificato dalla ESPER non è pari a 13.296.594,85 poiché nel Piano di Intervento del paragrafo 5.1 del Piano sono illustrati chiaramente sia i costi da mettere a base di gara (€ 11.514.840,75 iva inclusa nel primo anno e a € 10.880.721,26 dal secondo anno) che il costo complessivo pari ad € 13.296.594,85 Iva inclusa nel primo anno ed a € 12.448.994,53 Iva inclusa dal secondo anno che comprendono i costi di smaltimento e/o i ricavi che i Comuni non possono includere nella base di gara ed anche adesso vengono sostenuti e/o riscossi dall’amministrazione comunale contrariamente a quanto continua a sostenere la redazione di MarsalaNews ignorando i documenti trasmessi e consultabili direttamente nel sito del Comune .

La redazione di Marsalanews insiste inoltre a sostenere che i costi attuali per i servizi di raccolta, trattamento, trasporto, pulizia spiagge, derattizzazione e disinfestazione siano pari a 10.250.000 iva inclusa ma, come chiunque può facilmente verificare leggendo il Piano Economico Finanziario approvato dal Consiglio Comunale lo scorso 17 luglio 2015, tali costi erano pari a € 10.989.306 iva inclusa nel 2015 e sono lievitati nel PEF 2016 fino a € 11.054.602 iva inclusa. Quindi non è nemmeno ipotizzabile alcun aumento di tre milioni di euro ma al contrario con la nuova gara si otterrà una riduzione dei costi totali del servizio, minima del 10% nel primo anno e del 16% dal secondo anno (se per assurdo non si assistesse ad alcun ribasso d’asta) ed una riduzione ulteriore fin dal primo anno che sarà proporzionalmente tanto più elevata quanto maggiori saranno i risultati di RD realmente ottenuti ed i ribassi d’asta offerti (che in media in Italia sono pari al 6%).

In riferimento al dubbio sollevato dalla redazione di MarsalaNews in merito alla reale possibilità di raggiungere l’obiettivo minimo del 70% si deve segnalare che chiunque voglia documentarsi consultando ad esempio il dossier dei Comuni Ricicloni appena pubblicato scoprirà che alcune grandi capoluoghi (ad es. Trento, Treviso, Pordenone) applicando la raccolta domiciliare spinta e la tariffazione puntuale hanno già superato l’80 % di RD mentre altri, pur potendo contare su servizi meno evoluti (che non prevedono quindi riduzione dei costi a carico delle utenze più attente nel differenziare i propri rifiuti), hanno già superato tali obiettivi minimi (ad es. Salerno, Catanzaro, Andria e Cosenza solo per citarne alcuni).

E’ necessario poi evidenziare che il consigliere Flavio Coppola afferma il falso quando sostiene che “…abbiamo appreso che i progettisti della Esper non sono ingegneri ma chimici o altro ancora…” poiché la società di ingegneria ESPER annovera tra i propri tecnici vari ingegneri regolarmente iscritti all’albo (oltre ad avvocati e laureati in chimica, biologia, economia, editoria e giornalismo, scienze delle comunicazione ecc.) e tra i firmatari del Piano di Intervento chiunque può leggere anche la firma dell’Ing. Salvatore Genova, Direttore Tecnico di ESPER regolarmente iscritto all’albo degli ingegneri da ben 14 anni. L’accusa infine di sottrarre lavoro a brillanti laureati siciliani è quanto di più assurdo poteva essere pronunciato poiché ESPER annovera tra i propri tecnici ben quattro brillanti laureati siciliani.

Sant’Agostino sosteneva che “errare è umano ma perseverare è diabolico” ed in questo caso è lecito domandarsi chi trarrà vantaggio da questa incessante opera di mistificazione del Piano di intervento che mira a non far approvare il Piano di Intervento costringendo così il Comune a dover gestire in proroga l’attuale appalto ancora per molti anni.

Sergio Capelli
Responsabile Ufficio Stampa ESPER

views:
1124
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Il resoconto stenografico seduta del Consiglio comunale del 14 giugno 2016 e il Piano economico finanziario del comune del 2016"
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive