Marsala, Consiglio comunale: un’altra seduta fiume sul Piano Rifiuti della ditta Esper

S’è registrato l’immancabile ”colpo di scena” finale del venir meno del numero legale in sede di votazione e il rinvio dei lavori

Marsala – Ancora una seduta fiume e incandescente in consiglio comunale. Ieri sera era in dirittura d’arrivo l’approvazione del Piano Rifiuti predisposto dalla ditta Esper; ma, dopo la discussione e la votazione degli altri emendamenti presentati (una buona metà dei quali sono stati approvati), s’è registrato l’immancabile ”colpo di scena” finale del venir meno del numero legale in sede di votazione e il rinvio dei lavori a questo pomeriggio, alle 16, in seduta di prosecuzione.

Un’altra seduta interminabile, una maratona di quasi 12 ore, quella di ieri sera, iniziata, di fatto, ancor prima delle 10 visto che nella prima mattinata s’era tenuta una conferenza stampa del Psi, alla presenza dell’assessore Lucia Cerniglia, in cui i due consiglieri socialisti Chianetta e Gandolfo hanno annunciato che erano contrari al Piano Rifiuti, che avrebbero chiesto la riproposizione degli emendamenti bocciati il giorno prima in quanto, secondo Michele Gandolfo, i tecnici del Comune avevano fatto degli errori nella nella predisposizione degli emendamenti che, in particolare, avrebbero avuto una valutazione politica (concordata con l’Amministrazione) e non prettamente tecnica.

Una conferenza a cui ha partecipato anche il presidente del Consiglio Enzo Sturiano, il quale ha attaccato l’amministrazione e la Esper. “Ho perplessità –ha affermato- sulla “Esper”, la società che ha redatto il piano rifiuti su incarico dell’A.C., e soprattutto su alcuni soggetti che girano intorno alla Esper, come l’Associazione Eticologica, che potrebbe avere rapporti con la stessa Esper, dato che l’Amministrazione le ha dato in concessione dei locali a Palazzo Fici, non so a che titolo. Noi invece vogliamo che si ragioni con calma su un appalto che vale più di 100 milioni di euro”.

E la seduta di consiglio, ieri mattina, prima del duro intervento di Giovanni Sinacori contro la Esper “per le gravi e inqualificabili accuse all’indirizzo del Consiglio e in particolare del consigliere Flavio Coppola per aver dichiarato che i progettisti del piano non sono ingegneri ma chimici o altro ancora”, s’è aperta proprio con la richiesta di Gandolfo di sospendere la trattazione dell’atto. Una sorta di ‘questione pregiudiziale’ in attesa di far chiarezza sulla legittimità dei pareri espressi, poi ritirata dallo stesso Gandolfo alla luce delle assicurazioni da parte dell’Amministrazione; mentre “piena solidarietà” al consigliere Flavio Coppola è pure giunta dal presidente Enzo Sturiano (“Sono state fatte pressioni ad un organo istituzionale e ciò e inammissibile. L’Esper non si può permettere di entrare in valutazioni politiche che competono solo al Consiglio”) e dal sindaco Alberto Di Girolamo: “L’Esper ha sbagliato a fare certe affermazioni, ma qualcuno forse li ha informati male di una sintesi, in fondo corretta, di una nota stampa diffusa dai nostri uffici”.

Solidarietà a Coppola anche da parte dei consiglieri Pino Milazzo (“Quello che ha dichiarato Flavio Coppola lo abbiamo detto un po’ tutti in aula. E’ un Piano che ci è giunto bello e impacchettato”); Ignazio Chianetta (“E’ diritto di ogni consigliere criticare un atto, portare avanti le proprie idee. Non possiamo permettere che questo piano porti ad un ulteriore aumento della tassa rifiuti”): Aldo Rodriquez (“Solidarietà a Coppola e condanna per tutte le pressioni che ci sono giunte, a partire da quelle di certe associazioni…”); Ginetta Ingrassia (“Mai era avvenuto che chi avesse un incarico da una Pubblica Amministrazione intervenisse così a gamba tesa contro il Consiglio e un consigliere. Mi auguro proprio che il rapporto con la Esper si esaurisca con la approvazione del Piano e non prosegua”); ed ancora Arturo Galfano, Calogero Ferreri, Giusi Piccione (“tante le pressioni psicologiche, non ultima che mi ha molto infastidito anche quella di Lega Ambiente”); e Linda Licari (“Il nome di Coppola è stato fatto in quanto nel comunicato stampa del Comune si citava solo il suo nome. Comunque, cattiverie ne sono state dette da una parte e dall’altra. E’ ora, però, di dare risposte alla città”).

A questo punto, il Consiglio (ha presenziato ai lavori anche l’ingegnere Salvatrore Genova, direttore tecnico di Esper) ha ripreso la trattazione e la votazione degli emendamenti (alcuni dei quali sono stati ritirati dai proponenti), approvandone (a maggioranza) quasi una metà. Tra questi, presentati da Gandolfo, lo spazzamento delle strade che viene ridotto da due giorni settimanali ad uno; l’istituzione di due ecocentri mobili e due nuove isole ecologiche presidiate; la previsione del 50% di mezzi elettrici o a metano; l’ottimizzazione del recupero dell’umido; l’istituzione di altre due isole ecologiche, la pulizia delle fontane, delle griglie, delle catidoie e cunette, delle aree adibite a fiere e mercati occasionali, delle aree cimiteriali e la creazione del netturbino di quartiere; ed infine, a garanzia dei lavoratori, la sostituzione del Comune all’azienda appaltatrice nel pagamento delle spettanze nel caso che la stessa non paghi gli stipendi entro il giorno 15 di ogni mese, come da contratto di categoria). Inoltre –a firma del Gruppo Democratici per Marsala- approvati, tra gli altri, gli emendamenti relativi alle premialità per gli utenti particolarmente attivi e quello per la pulitura delle spiagge libere dei litorali nord e sud.

Dopo la votazione degli emendamenti, le dichiarazioni di voto dei capigruppo consiliari e le assicurazioni del vicesindaco Agostino Licari: “Questo è un piano trasparente, che porta alla riduzione dei costi per tre milioni di euro. Non so in base a quali elementi si voleva far credere che le tasse aumenteranno”.

L’opposizione ha anticipato di non partecipare al voto sottolineando, in particolare, con Sinacori “che l’Amministrazione verrà giudicata dai cittadini quando vedranno arrivare le prossime bollette e quando vedranno come funzionerà il servizio” e con Aldo Rodriquez, il quale ha rimarcato come “per l’Amministrazione sarà la vittoria di Pirro”. Infine, il vicepresidente Arturo Galfano, dopo aver chiesto ed ottenuto dal sindaco l’assicurazione del mantenimento dei posti di lavoro per tutti i dipendenti e che non ci sarà un solo euro di aumento per i cittadini e che l’Esper terminerà qui il suo incarico, ha anticipato il suo voto favorevole, come hanno pure fatto i consiglieri Ferreri, Licari, Marrone e Di Girolamo.

Da parte sua, il Sindaco ha ringraziato il Consiglio per la collaborazione resa al miglioramento del piano, scusandosi ancora una volta per l’incidente di percorso delle accuse della Esper al consigliere Coppola (“il piano non era Vangelo” –ha sottolineato- e se qualcuno parlasse meno sarebbe meglio”).

A questo punto, però, in sede di votazione finale, il colpo di cena conclusivo. I voti favorevoli sono stati 15 su 15 consiglieri presenti (Oreste Alagna, Ferreri, Chianetta, Marrone, Meo, Cordaro, Mario Rodriquez, Leonardo Coppola, Arcara, Di Girolamo, Cimiotta, Nuccio, Galfano, Galfano e Licari; ma i presenti sono risultati in numero inferiore a 16, il minimo previsto dalla normativa in vigore.

La seduta è stata così rinviata di un’ora e poi, non essendo stato possibile ricomporre il numero legale, è stata rinviata ad oggi alle ore 16 quando sarà sufficiente il numero di 12 consiglieri, mentre alle ore 17,30 è in programma l’altra convocazione con all’ordine del giorno “Adesione del Comune al partenariato pubblico e privato denominato “Terra degli Elimi”, del territorio del comprensorio dell’Agroericino, della Valle del Belice, delle isole Egadi e della costa trapanese per candidarsi alle misure previste dagli emanandi bandi per l’utilizzo delle risorse previste dal Programma sviluppo rurale PSR 2014-2020”. [Ufficio Stampa del Comune]

views:
562
ftf_open_type:
kia_subtitle:
S’è registrato l’immancabile ”colpo di scena” finale del venir meno del numero legale in sede di votazione e il rinvio dei lavori
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive