Trigesimo dalla scomparsa del marsalese Francesco Barraco

Il pluridecorato cavaliere è deceduto l'8 giugno scorso. Il ricordo del figlio Gaspare. Omelia di don Giacomo Marino

Marsala – L’8 giugno 2016 ha lasciato questa Terra il Marsalese Francesco Barraco. Era arrivato su questa Terra l’8 marzo 1924, giornata simbolo di riscatto, di lotta e dei diritti delle Donne. Era nato nella giornata simbolo chiamata (erroneamente) anche: Giornata di Festa delle Donne. Dopo l’8 settembre 1943 aveva scelto di combattere per la Liberazione dell’ Italia dalla dittatura nazifascista nelle file dei Partigiano combattenti della Brigata Giuseppe Garibaldi. Aveva nel dopoguerra una motocicletta, la famosa 65 che aveva il numero di targa 8888.

Il numero 8 nella buona e nella cattiva sorte è stato sempre presente per mio Padre Francesco. Il 9 giugno 2016 nella Chiesa Maria Santissima Addolorata di Marsala Sud, ovvero di Strasatti, per il suo funerale il nostro Parroco, Don Giacomo Marino, nella sua omelia dedicata a mio Padre Francesco ha detto: “ Noi Signore ti affidiamo l’Anima di Francesco. Quest’Uomo ha vissuto una lunga esistenza. Ha avuto una vita intensa, piena di significato, profonda e carica di esperienze. Un’esperienza vissuta come vocazione iniziale, come vocazione familiare e di relazione con gli altri. Una vocazione di amore per questa Italia, per la patriA, con il suo impegno nel passato da partigiano.

Un’ esperienza dunque abbastanza significativa, che diventa esempio, rapporto di vita per noi, che continuiamo il nostro cammino e il nostro viaggio con il Vangelo; che continuiamo il nostro cammino facendo tesoro di tutto quanto di bello, di nobile, ci hanno trasmesso, insegnato e raccontato i nostri anziani, i nostri nonni”.

Quello che non sarà mai cancellato dalla mia mente e la carezza fattami da mio Padre Francesco con la sua mano sulla mia faccia il 7 giugno 2016, in risposta alle carezze sulla faccia che gli facevo nel suo letto all’ Ospedale Paolo Borsellino di Marsala, dove era ricoverato per un ultimo tentativo di lasciarlo in vita. Rimarrà nelle mente di quanti sono venuto a vederlo nella sua casa il suo viso sereno e leggermente sorridente, mai visto prima in un deceduto. Forse la Chiesa e la Medicina potrà spiegarcelo. Ciao Papà.

Gaspare Barraco

 

Nelle foto: Don Giacomo Marino nella sua omelia dedicata a mio Padre Francesco, posto sull’Altare e avvolto dal Tricolore, della sua amata Italia; Francesco Barraco relatore in una giornata dedicata alla Liberazione al Complesso Monumentale di San Pietro a Marsala in una sala gremita di studenti nel 2003. Dopo la sua relazione, piena di racconti di fatti vissuti in prima persona nella Guerra di Liberazione non civile) ha risposto alle domande degli studenti, con fragorosi applausi, perché sapeva parlare, pur avendo al terza elementare, era un bravo oratore. Parlava con il cuore e analizzata i pensieri con libertà e coerenza.

views:
620
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Il pluridecorato cavaliere è deceduto l'8 giugno scorso. Il ricordo del figlio Gaspare. Omelia di don Giacomo Marino
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive