Marsala, indagato padre Nicolò Genna: detenzione di materiale pedopornografico

Parroco della Chiesa dell'Addolorata - Il sacerdote marsalese ha presentato le dimissioni, accettate dal vescovo Domenico Mogavero

Marsala – Detenzione di materiale pedopornografico è l’ipotesi di reato che vede indagato un anziano prete di Marsala, padre Nicolò Genna, fino a domenica scorsa – quando ha comunicato ai fedeli la decisione di dimettersi – parroco della Chiesa dell’Addolorata (nell’omonima contrada marsalese).

Due settimane fa, la polizia, su mandato della procura distrettuale di Palermo, competente per materia, ha effettuato una perquisizione in canonica e altri locali della chiesa. “La perquisizione, però – dice l’avvocato Stefano Pellegrino (legale dell’anziano parroco) – non ha dato alcun esito. Non sono state trovate né foto di minori, né di nudi. Ritengo, perciò, che si vada verso l’archiviazione. Alla base dell’indagine ci sarebbe un’informazione confidenziale”.

La polizia ha effettuato la perquisizione in canonica e altri locali della chiesa in uso al parroco. Si tratta, però, solo di una inchiesta giudiziaria che sarebbe scaturita da una denuncia anonima. Niente arresto.

La vicenda ha fatto molto discutere a Marsala e ciò ha spinto don Nicolò Genna, molto noto in città, a presentare le dimissioni da parroco al vescovo Mogavero che le ha accettate. Domenico Mogavero ha nominato, in sostituzione, un amministratore parrocchiale.

views:
11802
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Parroco della Chiesa dell'Addolorata - Il sacerdote marsalese ha presentato le dimissioni, accettate dal vescovo Domenico Mogavero
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive