Marsala, gatto lanciato contro i muri e torturato in contrada Amabilina: è morto

La denuncia dell'Oipa Marsala - "E perché non lo avete soccorso? La risposta? 'Altrimenti ci derubano in casa o ci danno fuoco alle auto'!"

“La mia mattina di oggi comincia così… E nonostante non sia né un bel vedere né una bella storia da raccontare è giusto che si sappia. Sapere cosa? Lavoravo già questa mattina quando inevitabilmente sento due clienti parlare tra loro di un povero gatto che giace vicino il portone di casa ferito… ferito come?

Ieri sera alcuni ragazzi lo avevano inserito dentro una busta di plastica, cominciando a farlo volteggiare lasciandolo sbattere su ogni parete che incontrava, ridendo e abbandonando il gatto ancora vivo. Rotto, stremato …a terra e sotto la pioggia! E perché non lo avete soccorso? La risposta? “…Altrimenti ci derubano in casa o ci danno fuoco alle auto!”.

Non ho perso tempo …ho chiesto permesso di lasciare il lavoro. Mi sono recata sul posto e l’ho trovato lì, ancora vivo, rotto, bagnato, terrorizzato! Recuperato e portato in clinica… Beh la lastra parla da sé, nulla da fare purtroppo per il gatto… eutanasia per terminare le atroci sofferenze. Piuttosto che morire lì di dolore o ancor peggio “finito” da chi lo ha ridotto in quello stato…

Non voglio raccontarvi però quello che ho provato …della pelle d’oca …delle lacrime …della rabbia… Marsala, contrada Amabilina, succede ancora questo…”.

Milena Urso Delegata Oipa Marsala

views:
2368
ftf_open_type:
kia_subtitle:
La denuncia dell'Oipa Marsala - "E perché non lo avete soccorso? La risposta? 'Altrimenti ci derubano in casa o ci danno fuoco alle auto'!"
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive