Caos nel mondo arbitrale siciliano e italiano: vi sarebbero delle mail “incriminate”

Ecco il video in cui si spiega tutta la vicenda... Rosario D'Anna, componente del Comitato Nazionale AIA, ritira la ricandidatura

Ecco il VIDEO – Caos nel mondo arbitrale siciliano e italiano: il componente del Comitato Nazionale AIA, Rosario D’Anna, ritira la ricandidatura. Sullo sfondo vi sarebbero delle mail “incriminate”…

D’Anna ritira la ricandidatura per una mail anonima ricevuta. Questo è il video proposto da “Etna Espresso Channel-Tg Reporter” in cui si spiega benissimo tutta la vicenda.

A tutti i seguenti destinatari:
Presidente Aia
VicePresidente AIA
Segretario AIA
Componenti comitato nazionale
Presidenti Cra
Presidenti Sezioni AIA
Procura federale
Procura arbitrale nazionale
Procura arbitrale regionale
Comitato dei garanti
Associati Sezione AIA di Acireale

La presente mail ha lo scopo di informare tutti i destinatari di come, in occasione delle ultime elezioni del presidente della sezione AIA di Acireale, sia stato totalmente disatteso il codice etico da parte del componente del comitato nazionale Rosario D’Anna e dei suoi più stretti collaboratori (Salvatore Marano Componente CanD, Rodolfo Puglisi Coordinatore per la Macroregione Sud della rivista “L Arbitro” ed osservatore in Can D , Giuseppe Raciti attuale presidente della sezione di Acireale e gli osservatori Can D Orazio Fichera , Giovanni Greco, Nunzio Manusè e Mario Mascimino, Giuseppe Bella attuale vicepresidente della sezione AIA di Acireale, Mariano Previtera ex arbitro ed osservatore CAN 5).

L’invito accorato e’ di leggere attentamente,tramite outlook,le mail con relativi allegati intercorse tra i suddetti al fine di comprendere a fondo il reale spessore delle persone e del clima che hanno artatamente creato con lo scopo di fare eleggere il candidato imposto agli associati. Ancor piu grave risulta quanto si può leggere nelle mail successive alle elezioni nelle quali si fanno nomi, ed elenchi con financo casella riservata alla data di dismissione di quegli associati che presuntivamente avrebbero espresso una preferenza diversa da quella imposta. Olocausto, “erano ottanta erano giovani e forti e sono tutti morti”, giuda, i 40 martiri, latrinaro, mafiosi, sono alcuni dei termini utilizzati dai soggetti in questione e lasciano capire a chi legge che tipo di accanimento si è venuto a creare nei confronti di chi non si è allineato e schierato dalla loro parte. Tali comportamenti sono assolutamente contrari, non solo alle regole della civile convivenza e del rispetto tra persone, ma soprattutto ai dettami ed ai principi che l’associazione italiana arbitri si propone di divulgare.

Al fine di semplificare e comprendere meglio il contenuto delle mail, di seguito vengono riportati alcuni passaggi che più di altri testimoniano quanto sopra evidenziato:

Scambio di mail dal 28 al 30 Giugno 2016

– “Tranquilli, a stare sul pezzo ci sono io e penso che stavolta basti ed avanzi proprio per evitare una…seconda elezione presidenziale a Gennaio 2017. A buon intenditor, poche parole” cfr. Rosario D’Anna.

– “ESIGO la testa di Basile Rosario su un vassoio di latta” cfr. Rodolfo Puglisi

– “ Mi vedo partecipe e in linea su quanto espresso da Voi. Su una cosa dobbiamo essere determinati: bisogna eliminare le mele marce che sono state menzionate nella a-mail da Saro e dagli altri” cfr. Salvatore Marano

– “Abbiamo tutti le idee chiare sul fatto che è improcrastinabile una netta operazione di “SPENDING REVIEW ARBITRALE” cfr. Orazio Fichera

– “Sul passato, desidero ribadirti il concetto che, oltre agli anziani cattivi, gente cosiddetta “giovane” come Terranova, Marino (zio e nipote) i cari Fanciullo e Pira, Laabadi, Motta, Drago, Castiglione, Raneri, Leonardi, Furnari e tanti altri (per esempio) che hanno già dai 22 ai 25 anni ed oltre e che si sono lasciati trasportare dalla cattiveria ed ignoranza di Gano e soci, ritenendosi erroneamente innocenti (vedi i commenti su Facebook), saranno ben presto solo un ricordo “amaro” per questa Sezione e nulla più. Saranno soltanto “salvati” coloro che vanno dai 18 ai 20, con uno o due al massimo di anzianità di tessera e realmente riconosciuti incapaci di intendere e volere.” Cfr. Rosario D’Anna

Mail del 13 Giugno 2016
“Insomma, per non più litigare, facciamo n.100 tondi traditori e siamo a posto.Saremo un giorno perdonati per le n. 20 vittime innocenti…” cfr. Rosario D’Anna

Mail del 12 Maggio 2016
Rosario D’Anna trasmette RISERVATAMENTE ai suoi sodali una mail del presidente nazionale indirizzata ad un associato Mail del 25 Maggio 2016 : – “Inoltre, già ad alcuni ragazzi presenti ho fatto intendere chiaramente che forse è meglio non farsi vedere in Sezione il giorno dell’Assemblea e – ripeto – questa deve essere la linea comune da adottare nei confronti di chi notiamo ancora incerto, titubante o riteniamo falso e soprattutto nei confronti di coloro che hanno firmato la lista fagotto e sembrano volerci assicurare sul loro cambiamento di rotta. Ebbene, non debbono presenziare all’Assemblea, senza se e senza ma. E solo in questo caso li considererò dalla nostra parte. Punto.” Cfr. Rosario D’Anna

Mail del 01 Giugno 2016
“Insomma, le telefonate che oggi comincerò a fare riguardano intanto tutti gli anziani che reputo fedelmente con noi, mentre poi mi dedicherò a quelli giovani che Voi mi indicherete titubanti e che una mia telefonata potrebbe salvare loro la vita, come il famoso spot di alcuni anni addietro” cfr. Rosario D’Anna

Sarebbe doveroso un intervento da parte degli organi competenti per fare chiarezza e pulizia su quanto accaduto e soprattutto per evitare che tali gravi fatti possano ripetersi e fermare, cosi, l’emorragia di dismissioni programmate ed iniziatea partire dal 01/07/2016 ( C.U. n. 27 del 31/08/2016)

Come possiamo pretendere di essere i garanti delle regole e del rispetto quando le figure di vertice della ns Associazione sono le prime che non le rispettano?

Buona lettura… in attesa di probabile futura divulgazione di documentazione altrettanto “interessante”

Media

views:
3167
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Ecco il video in cui si spiega tutta la vicenda... Rosario D'Anna, componente del Comitato Nazionale AIA, ritira la ricandidatura
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive