“Le eccedenze alimentari, una ricchezza da recuperare e non sprecare”

Blue Sea Land, Convegno Rotary. Riunione plenaria dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo

Il tema della lotta contro gli sprechi, ed in particolare contro gli sprechi alimentari è il tema principale di Blue Sea Land 2015, l’Expo internazionale dei Distretti Agroalimentari del Mediterraneo, Africa e Medioriente promosso dal Distretto della Pesca e Crescita Blu in collaborazione con la Regione Siciliana, col patrocinio di Ministero degli Esteri, Ministero delle Politiche Agro-alimentari e Forestali, Ministero dello Sviluppo Economico.

Nell’ambito della manifestazione di Mazara del Vallo, il Rotary International ha organizzato il convegno, moderato da Nunzio Scibilia Governatore del Distretto Rotary 2110, dal titolo “Le eccedenze alimentari, una ricchezza da recuperare e non sprecare”.

Dopo il saluto dell’Ing. Vincenzo Montalbano Caracci, Presidente del Rotary Club di Mazara del Vallo, e del Vice Sindaco Silvano Bonanno, è intervenuto il Vescovo della Diocesi di Mazara del Vallo, Mons. Domenico Mogavero il quale ha dichiarato: “Nella nostra società sono entrati modelli e comportamenti estranei alla nostra cultura, siamo spesso presi dall’ abuso delle risorse naturali, attratti dal superfluo, noi che simo circondati da benessere non capiamo che quello che sprechiamo per altri invece può essere essenziale. Richiamo all’Enciclica di Papa Francesco sull’Ambiente che ripone al centro la tematica dell’ecologia integrale e la necessità di sviluppare modelli di sobrietà”.

Giovanni Tumbiolo, nella qualità di Presidente CIP Italia-Tunisia: “Blue Sea Land lancia un appello alle masse ed alle istituzioni per adottare comportamenti orientati verso il recupero delle risorse ed il rispetto reciproco”.

L’On. Maria Chiara Gadda ha parlato del suo disegno di legge per combattere gli sprechi: “La legge 166 –ha spiegato- appena approvata dal Parlamento a fine settembre, parte dal concetto della donazione delle eccedenze e del diritto al cibo, i numeri ci dicono che 5,6 milioni di tonnellate all’ anno vanno sprecate da tutta la filiera agroalimentare, mentre solo 55 mila tonnellate si recuperano. Le eccedenze maggiori vengono da ristoranti, grande distribuzione e strutture di catering, ma il 40% dello spreco avviene nelle nostre case per motivi spesso legati alla cattiva conservazione. La nuova legge, 18 articoli, si occupa di tutto questo, e comprende anche il settore dei farmaci, favorire la collaborazione tra i soggetti per recuperare e facilitare la donazione de i cibi, primo tra tutti il pane, ma si occupa anche di educazione del consumatore e di riduzioni di burocrazia”.

Il Prof. Franco Andaloro, Dirigente di Ricerca dell’ISPRA, ha sottolineato: “gran parte dello spreco ittico deriva dal congelato, e non dalla vendita diretta legata al sistema mare della piccola pesca a artigianale. Lo spreco va ridotto a monte, tornando a consumare anche le specie che il mercato della grande distribuzione rifiuta, il cosiddetto pesce povero. Un esempio, di 150 specie presenti nel Mar Mediterraneo se ne consumano solo da 40 a 10”.

Sul tema sono pure intervenuti Mario Giannola, Coordinatore Nazionale Rotary CIP Italia, ed il Console del Burkina Faso, nonché Presidente di Siciliacque, Antonio Tito.

Marco Lucchini, Direttore della Fondazione Banco Alimentare, Banco Alimentare ha aderito con entusiasmo all’invito del dott. Giovanni Tumbiolo a partecipare alla quinta edizione di Blue Sea Land. La prossima edizione, grazie a questa collaborazione, sarà la prima “foodsaving”. Infatti Banco Alimentare promuoverà azioni di recupero del cibo avanzato durante i 4 giorni della manifestazione. In particolare, presso gli open bar della Cooperativa Sociale Rossa Sera, offrirà ai partecipanti “Save Bag” per recuperare dai ristoranti quanto non consumato nel proprio piatto e portarlo a casa, questo permetterà di buttare meno cibo nella spazzatura e magari condividerlo a casa propria con famigliari e amici o proseguire anche il giorno dopo il piacere della cena al ristorante. Il progetto “Save Bag” è realizzato in collaborazione con Cuki che per l’occasione ha donato 1000 “Save Bag””.

Nel corso di Blue Sea Land 2016 si è svolta, presso la Sala Imperiale del Seminario Vescovile, anche la riunione plenaria dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo, coordinato dall’Ing. Giuseppe Pernice, che ha visto anche la partecipazione fra gli altri del Sottosegretario agli Affari Esteri, On. Vincenzo Amendola, e dell’Assessore Regionale alla Formazione ed Istruzione, On. Bruno Marziano.

da-sx-assessore-marziano-a-dx-sottosegretario-amendola

intervento-on-maria-chiara-gadda

da-sx-giovanni-tumbiolo_vincenzo-montalbano-caracci_-franco-andaloro_mario-giannola_maria-chiara-gadda_antonio-tito_marco-lucchini

riunione-plenaria-osservatorio-della-pesca-del-mediterraneo-al-centro-assessore-marziano-e-sottosegretario-amendola

views:
195
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Blue Sea Land, Convegno Rotary. Riunione plenaria dell’Osservatorio della Pesca del Mediterraneo
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive