Marsala 1912, replica ad Occhipinti: “Pronti a cedere nelle mani del sindaco le quote in possesso”

Il comunicato dei soci di maggioranza: "E' 'incomprensibile' l’atteggiamento del sig. Occhipinti che alterna momenti di lucidità, con momenti, che chiamare deliranti è solo eufemismo..."

Marsala – In nome e per conto dei soci di maggioranza del Marsala Sc 1912 mi è stato conferito mandato per replicare alle ultime dichiarazioni del sig. Occhipinti che li ha visti loro malgrado, per l’ennesima volta, protagonisti.

Preliminarmente, nonostante da diversi mesi i soci, come rappresentati, hanno deciso di rimanere silenti, e di fare un passo indietro rispetto alla gestione societaria ed ai continui attacchi a mezzo stampa, di fronte all’ultima spavalderia rusticana del Sig. Occhipinti ritengono doveroso, quanto meno, prendere le distanze dalle esternazioni e precisare quanto segue.

I soci di maggioranza del Marsala 1912, hanno ampiamente manifestato la volontà di tirarsi fuori dal compagine azzurra per incompatibilità sopravvenute, oltre che buon senso alla luce dell’atteggiamento comprensibile dei tifosi. Tuttavia, mentre è comprensibile l’amarezza dei tifosi che non vedono, da troppo tempo, navigare nelle giuste acque il Marsala, oltre che nella giusta categoria, è “INCOMPRENSIBILE”, questo si, l’atteggiamento del sig Occhipinti che alterna momenti di lucidità, con momenti, che chiamare deliranti è solo eufemismo.

Infatti, il dimissionario Amministratore omette di comunicare alla stampa, oltre che ai calciofili, che è stato lo stesso a voler a tutti i costi prendere le redini della Società, nonostante rappresenti solo una quota, e ben sapendo la volontà, già ampiamente manifestata, dei soci, qui rappresentati, di voler cedere definitivamente le quote sociali.

Leggere testualmente, dall’ultima dichiarazione: “società malata in cui non si può programmare un bel nulla” ed che “è inammissibile che un’assemblea dei soci sia stata riunita per tre/quattro volte”, è la goccia che rompe il silenzio di fronte a cotanta superficialità ed irriverenza nei confronti di chi, nonostante tutto, si sia mostrato incline, per l’amore della maglia, a fare l’ultimo sacrificio, ossia dare “CARTA BIANCA” al suddetto amministratore, ed omettendo che l’ultima iscrizione al campionato sia derivata anche grazie ad un loro ulteriore contributo.

In conclusione, leggere che è inammissibile convocare l’assemblea dei soci per più volte, è un concetto che solo il suddetto, per quanto sopra, poteva affermare, in quanto,l’assemblea è proprio il momento di limpidezza societaria a differenza della fitta nebbia che si è creata con la funesta, a questo punto, scelta di affidare il glorioso Marsala 1912 al sig Occhipinti.

Pertanto, I soci qui rappresentati, oltre a prendere le distanze dalle dichiarazioni del dimissionario Amministratore, ribadiscono stavolta, pubblicamente, che sono pronti a cedere l’intero pacchetto azionario in loro possesso, come avevano deciso di fare già da mesi, ma malauguratamente hanno deciso di concedere la fiducia al Sig. Occhipinti come richiesto dallo stesso, nonostante le diverse trattative in corso.

Rimane solo da aggiungere, pubblicamente, che la cessione, avverrà soltanto ad un gruppo, che, peraltro, ha già mostrato interesse, e che garantisca continuità al glorioso Marsala 1912 per un salto di categoria che merita, e non, certamente, a chi ha mostrato solo ed esclusivamente atteggiamenti, se non altro, “instabili” e capaci solo di danneggiare le persone, oltre che il Marsala, e per questo ringraziano Occhipinti solo per l’ultimo atto.

Qualora non si dovesse verificare quanto sopra, sono pronti a cedere nelle mani del Sindaco le quote in possesso.

Avv. Manlio Mauro

views:
4362
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Il comunicato dei soci di maggioranza: "E' 'incomprensibile' l’atteggiamento del sig. Occhipinti che alterna momenti di lucidità, con momenti, che chiamare deliranti è solo eufemismo..."
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive