Influenza, da lunedì al via la campagna dell’Asp per le vaccinazioni

"Ogni anno l’influenza colpisce una larga fetta di popolazione, in particolare le fasce più deboli come gli anziani, con un costo in termini di mortalità e di ricoveri, ma anche sociale come perdita di giornate lavorative"

Avviata la campagna antinfluenzale e antipneumococcica 2016/2017 dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani. Da ieri i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta possono iniziare a ritirare i vaccini presso i servizi vaccinali dei distretti d’igiene pubblica territoriali dell’ASP, mentre da lunedì si avvierà l’attività di vaccinazione sia nei centri vaccinali pubblici dell’ASP che negli ambulatori medici. La campagna è coordinata dal responsabile del servizio sanità pubblica, epidemiologica e medicina preventiva Gaspare Canzoneri.

Per la popolazione over 64 anni, i soggetti a rischio e le categorie di pubblico interesse collettivo, considerando tra questi anche tutto il personale sanitario e parasanitario, la somministrazione del vaccino sarà gratuita.

Da quest’anno sarà gratuita anche gli addetti di front office delle pubbliche amministrazione, che cioè sono a contatto con il pubblico. Si sottolinea che la mancata offerta della vaccinazione può anche configurare l’ipotesi di omissione di atto sanitario con le conseguenti responsabilità, anche penali, a carico di chi la determini a qualunque titolo.

“Ogni anno l’influenza colpisce una larga fetta di popolazione – spiega il direttore generale dell’ASP di Trapani Fabrizio De Nicola – in particolare le fasce più deboli come gli anziani, con un costo in termini di mortalità e di ricoveri, ma anche sociale come perdita di giornate lavorative. Abbiamo allora apprezzato particolarmente la ferma presa di posizione della Federazione nazionale degli Ordini dei medici, che con un documento sui vaccini, ha ribadito ai propri iscritti che ‘il consiglio di non vaccinarsi, in particolare se fornito al pubblico con qualsiasi mezzo, costituisce infrazione deontologica’. Dopo un calo negli ultimi due anni per infondati allarmismi, contiamo ora di ampliare la fascia di coloro che si sottopongono alla vaccinazione”.

Infine è stata intensificata la vaccinazione anti-pneumococcico, perché la affezioni all’apparato respiratorio possono portare a complicanze come la polmonite e la bronco-polmonite.

In co-somministrazione con il vaccino antinfluenzale, sarà offerta quindi anche una dose di vaccino anti-pneumococcico. Sarà gratuita per coloro che hanno già compiuto il sessantesimo anno di età e per i soggetti a rischio.

views:
266
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Ogni anno l’influenza colpisce una larga fetta di popolazione, in particolare le fasce più deboli come gli anziani, con un costo in termini di mortalità e di ricoveri, ma anche sociale come perdita di giornate lavorative"
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive