Due arresti per furto di rame: arrestati un 24enne e un 33enne

Sorpresi in una Cantina Sociale mentre di nascosto asportavano vari cavi elettrici. Agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo

Castelvetrano – La mattina del 7 novembre scorso, i militari della dipendente Aliquota Radiomobile – guidata dal Luogotenente Gaspare Maurizio – nello svolgimento di un servizio perlustrativo nella giurisdizione, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, traevano in arresto Gaspare Scarpinato, castelvetranese 33enne, già destinatario di avviso orale di P.S., e l’omonimo Gaspare Scarpinato, castelvetranese 24enne, anche lui giovane noto alle forze dell’ordine.

I due venivano sorpresi in questa via Partanna all’interno della Cantina Sociale Soc. Coop. s.r.l. mentre di nascosto asportavano vari cavi elettrici. La refurtiva – per un peso complessivo di kg. 50 di rame – veniva interamente recuperata e restituita al responsabile della cantina.

Gli arrestati, dopo le formalità di rito e su disposizione della Procura della Repubblica di Marsala informata dal locale N.O.R. che procede, venivano tradotti agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo.

Il fenomeno dei furti di rame crea particolare allarme sociale, in quanto spesso provoca l’interruzione di pubblici servizi essenziali, con ripercussioni di natura economico/sociale di particolare rilievo e possibili implicazioni di ordine e sicurezza pubblica; il problema è tanto avvertito che in ambito europeo l’agenzia Europol ha promosso varie Conferenze U.E. sul fenomeno del furto di metalli all’interno dell’Unione, e a livello nazionale il Ministro dell’Interno – al fine di rafforzare tale attività di contrasto – ha istituito un apposito Osservatorio Nazionale sui Furti di Rame.

 

views:
2798
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Sorpresi in una Cantina Sociale mentre di nascosto asportavano vari cavi elettrici. Agli arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive