Frode fiscale prodotti petrolio, sequestrati beni per oltre 40 milioni: 5 arresti in provincia

Operazione della Guardia di Finanza che ha portato anche agli arresti domiciliari 5 persone

Alle prime ore di quest’oggi, il Nucleo di Polizia Tributaria di Trapani in collaborazione con i funzionari dell’Agenzia delle Dogane/Ufficio di Trapani, al termine di lunghe e laboriose indagini delegate da questo Ufficio, hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal GIP presso il Tribunale di Marsala che ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di 5 persone e il sequestro di beni per oltre 40 milioni di euro, tra cui la Pinta Zottolo Spa di Mazara del Vallo, uno dei depositi fiscali di carburante più importanti della Sicilia (con capacità di stoccaggio di circa 4 milioni di litri di oli minerali) e la Messana Saverio Srl di Alcamo.

L’ordinanza del GIP si inquadra in un contesto di ampio respiro investigativo che ha consentito di disvelare un complesso meccanismo fraudolento di vastissime proporzioni finalizzato all’evasione fiscale.

In particolare l’attività investigativa svolta dai finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria e dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane, con l’ausilio di numerosi e variegati strumenti di ricerca della prova, anche di natura intercettiva, ha consentito di accertare che la Pinta Zottolo Spa aveva simulato la denaturazione di enormi quantità di gasolio da destinare ad usi agevolati (con aliquota fortemente scontata o esente) ed emesso falsi documenti di trasporto e false fatture di vendita dello stesso prodotto nei confronti di clienti compiacenti o talvolta addirittura completamente estranei ed ignari di essere destinatari solo cartolari del prodotto petrolifero.

In realtà, in questo modo, la società per azioni era precostituita cospicue scorte di carburante da destinare all’autotrazione (che sconterebbe un’aliquota d’imposta notevolmente maggiore) da poter commercializzare, completamente “in nero”, destinandole a vari operatori di settore compiacenti. Attraverso tale meccanismo truffaldino l’organizzazione ha contrabbandato, in soli 2 anni, circa 40 milioni di litri di gasolio, per un imposta evasa pari a circa 25 milioni di euro (tra IVA e Accise), aumentando esponenzialmente il proprio volume d’affari e acquisendo un ruolo di supremazia sul mercato dei carburanti.

Al termine delle indagini, nel corso delle quali sono rimaste coinvolte oltre 100 presone, il Gip presso questo Tribunale, ha disposto oltre all’arresto dei principali responsabili (Destinatari dei provvedimenti restrittivi, emessi dalla Procura di Marsala, Nunzio Santi Villari responsabile della Pinta Zottolo; Vincenzo Messana, responsabile dell’omonima società; Giuseppe Lo Presti di Palermo; Alessandro Tirendi ed Eugenio Barbarino di Catania), il sequestro dei seguenti depositi fiscali: Pinta Zottolo Spa (con sede a Mazara del Vallo) e Messana Saverio Srl (di Alcamo).

Nonchè degli impianti, delle attrezzature, delle autocisterne e del prodotto petrolifero destinati o serviti per commettere le condotte di contrabbando, per le quali la Legge prevede la confisca obbligatoria, per un valore complessivo di oltre 40 milioni di euro.

views:
2665
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Operazione della Guardia di Finanza che ha portato anche agli arresti domiciliari 5 persone
MarsalaLive