Marsala, “Lesioni gravissime alla moglie”: condannato un finanziere di 42 anni

Alla moglie 40enne, con calci e pugni, avrebbe procurato la rottura della milza, poi asportata in ospedale

Marsala – Un appuntato della guardia di finanza, Biagio Foderà, 42 anni, è stato condannato dal giudice monocratico di Marsala, Lorenzo Chiaramonte, a sei anni di reclusione e all’interdizione dai pubblici uffici per lesioni gravissime in danno della moglie, Antonia Castelli, 40 anni. A quest’ultima, il 12 gennaio 2010, con calci e pugni, il Foderà avrebbe procurato la rottura della milza, poi asportata in ospedale.

Teatro dei fatti è stata la loro abitazione di Mazara del Vallo. La donna, in fase d’indagine, aveva dichiarato di essersi fatta male accidentalmente, a seguito di una caduta tra le mura di casa, ma lo scorso 23 giugno, in aula, in lacrime, ha dichiarato che è stato il marito a picchiarla, dopo che lei gli confessò che aveva una passione per un altro uomo.

A ribadire agli inquirenti la tesi dell’accidentalità erano stati anche i familiari (genitori e fratelli) di Antonia Castelli. Ma dalle intercettazioni telefoniche effettuate sulle utenze del nucleo familiare, gli investigatori hanno tratto la convinzione che a provocare quelle gravi lesioni alla donna sarebbe stato il marito. Per gelosia. A svolgere le indagini, all’epoca coordinate dal procuratore Alberto Di Pisa, è stata la sezione di pg della stessa Guardia di finanza della Procura di Marsala. Per Foderà, il pm Giulia D’Alessandro aveva invocato sette anni di carcere.

views:
4615
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Alla moglie 40enne, con calci e pugni, avrebbe procurato la rottura della milza, poi asportata in ospedale
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive