Un chilo d’oro a casa di Paolo Genco, patron dell’Anfe Sicilia

Trovati dalla Guardia di finanza nel corso della perquisizione domiciliare. Sarebbero frutto dei proventi della truffa perpetrata

Nell’abitazione di Palermo di Paolo Genco – il responsabile dell’Anfe Sicilia, arrestato ieri per truffa aggravata alla Regione e all’Unione europea – la Guardia di finanza ha rinvenuto e sequestrato, nel corso di una perquisizione, custoditi all’interno di una cassaforte, circa un chilogrammo di oro (49 monete e 30 lingotti), nonché trentamila euro, tra denaro contante e assegni circolari.

Per le Fiamme gialle anche questi beni sarebbero frutto dei proventi della truffa perpetrata, con la complicità della General Informatic Center, nelle fittizie forniture.

Paolo Genco si trova da ieri agli arresti domiciliari, così come il titolare dell’azienda, Baldassare Di Giovanni.

views:
3098
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Trovati dalla Guardia di finanza nel corso della perquisizione domiciliare. Sarebbero frutto dei proventi della truffa perpetrata
Banner 468 x 60 px
MarsalaLive