Il Vino Marsala ringrazia l’on. Nello Musumeci

"Ci saremmo aspettati che il sindaco Di Girolamo, appresa la notizia, fosse pervaso da una genuina sensibilità e da profondo orgoglio di cittadinanza, augurando..."

Marsala – Ci voleva un deputato di Catania a presentare un’interrogazione al Governo Regionale Siciliano per proporre la ricostituzione del Consorzio del Vino Marsala, per attingere ai fondi comunitari e rilanciare questo vino storico della Sicilia. Né il sindaco di Marsala, né i deputati della maggioranza hanno avuto questa sensibilità.

Se qualcosa si è fatto in questo periodo, per tenere accesa la fiammella di questo glorioso vino che una volta era il fedele compagno di frequentatori dei salotti buoni, dei circoli culturali e del potere e che oggi, purtroppo, è ridotto a vino da cucina, lo si deve alla sensibilità della Camera di Commercio di Trapani che, insieme alla Fondazione Sicilia, all’Associazione “Nel segno del sale” e ad altre organizzazioni private, hanno organizzato a Marsala l’evento “MarsalShake” (28 e 29 ottobre 2016), una gara di cocktails con base il vino Marsala a cui hanno preso parte dieci istituti alberghieri della Sicilia. Prima classificata Valery Corso, studentessa dell’Istituto Alberghiero “Abele Damiani” con il cocktail “Sweet darling Marsala”, che sarà presentato dalla vincitrice, dal 21 al 24 gennaio, durante la crociera Civitavecchia – Barcellona, offerta come primo premio dalla compagnia Grimaldi Lines.

In quella occasione il vino Marsala tornerà protagonista per alcune giornate. Sarà un modo nuovo e moderno di utilizzarlo, finalmente lontano dalle cucine, per riscoprirne gli antichi splendori ed essere assaporato e conosciuto anche dalle nuove generazioni. Il secondo classificato al concorso, Salvatore Daidone dell’Istituto Alberghiero “I. e V. Florio” di Erice, con il cocktail “La tresca di Totò”, avrà la possibilità di presentarlo agli ospiti del Kikki Village di Modica, sarà per loro l’occasione per assaporare tra la lingua e il palato la delicatezza del Vino Marsala, che dona al cocktail un aristocratico sapore.

Ci saremmo aspettati che il sindaco Di Girolamo, appresa la notizia, fosse pervaso da una genuina sensibilità e da profondo orgoglio di cittadinanza, augurando a questi due brillanti studenti di continuare nel loro futuro lavoro ad utilizzare, nonostante la loro giovane età, il più importante prodotto storico di questa terra, il Marsala, appunto.

Florinda Licari

views:
4745
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Ci saremmo aspettati che il sindaco Di Girolamo, appresa la notizia, fosse pervaso da una genuina sensibilità e da profondo orgoglio di cittadinanza, augurando..."
MarsalaLive