Airgest: stagionali in rivolta

"Sfruttati e abbandonati per nessun demerito, ma solo per interesse della politica"

Riceviamo e pubblichiamo

L’Airgest, la Summer 2017 e la prassi politica! Per chi ha lavorato come interinale all’aeroporto civile di Birgi, sia come addetto di scalo o come operaio, non sa come definirsi: se ex lavoratore o se è nel giro di assunzioni che ogni anno inizia dalla fine di marzo a fine ottobre.

Ogni inizio di stagione è un rebus perché non c’è una selezione, una graduatoria dove per meritocrazia o anzianità di servizio viene chiamato il personale, ma l’unica lista a disposizione di chi si occupa del personale all’Airgest viene dettata dall’ondata politica che c’è in quel momento, se si è in prossimità delle amministrative o delle regionali!

Se si chiedono chiarimenti al direttore dell’Airgest, ti dice che è una scelta aziendale, se si parla con un responsabile, ti dice non sai come funziona qua? Viva la trasparenza di una società pubblica. Come si può pretendere il buon funzionamento dello scalo se a farla da padrona è la politica degli interessi personali?

Non parliamo dei dipendenti dell’amministrazione, lì tutto tace, il buio più profondo. A cosa servono i concorsi pubblici? L’importante è che lavorino i fedelissimi degli onorevoli al comando di una barca che fa acqua da tutte le parti.

Luca I.

views:
1512
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Sfruttati e abbandonati per nessun demerito, ma solo per interesse della politica"
MarsalaLive