Marsala-Tivoli-Sanremo: Virginia Raffaele riconquista tutti. Rivedere Vessicchio fa dormire felici

"Ecco il video post-eliminazione di Gigi D'Alessio, non potete perdervi tutta la sua 'eleganza' verbale. Le mie pagelle finali e le previsioni"

Tivoli – Il venerdì sanremese ci permette di riascoltare ancora una volta tutte le canzoni in gara chiarendoci un po’ le idee o forse mutando quelli che erano i nostri iniziali pronostici, intanto il clima si fa sempre più frizzante, soprattutto tra le quattro Nuove Proposte per le quali è giunto il rush finale. E’ Lele il vincitore della categoria che, con il suo brano “Ora Mai”, dopo il trionfo, corre ad abbracciare Maria De Filippi. Il giovane cantante di Amici dedica il grande successo alla sua famiglia.

E’ in questa serata che entra in gioco la giuria di esperti che giudicherà i big, il cui voto inciderà per il 30%, insieme al 40% del televoto e al 30% della giuria demoscopica.

Giunti quasi al termine della serata arriva l’annuncio dei 4 eliminati definitivamente dalla gara. Si tratta di Giusy Ferreri che, nonostante l’esibizione sia stata migliore rispetto a tutte le altre, non riesce ancora una volta a convincerci. Resta il fatto che alle radio piace. Saprà come tenerci compagnia.

Altro boato di disappunto ha suscitato l’eliminazione di Al Bano, per la cui canzone rimangono ormai tante spine e poche rose.

A lasciare la gara è anche Ron ed il suo capello color “cocozza” in tinta con i denti. Il pezzo più lo ascolto meno mi convince, quindi #ciaoneproprio !

I numerosi commenti successivi all’eliminazione del cantante partenopeo Gigi D’Alessio invece suggeriscono parecchio malcontento per una canzone che sembrava avesse, a detta di molti, le carte in regole per arrivare almeno in finale. Vittima di pregiudizi? Chissà. Intanto vi consiglio di andare a vedere il suo video post-eliminazione postato su twitter in cui potete perdervi in tutta la sua eleganza verbale, compresa quella della sua dolce metà (Anna Tatangelo).

Tra gli ospiti, ritorno atteso e spettacolare quello di Virginia Raffaele che si è presentata all’Ariston nelle vesti della ottantatreenne Sandra Milo. La bella imitatrice è stata ospite gradita e anche quest’anno coinvolge e ci lascia un bel ricordo.

Nota lietissima: finalmente fa la sua comparsa il pizzetto brizzolato del grande maestro Beppe Vessicchio, non presente tra i direttori di orchestra in questo festival (nessuno artista lo ha scelto) ma presente tra le prime file dell’Ariston. Riceve applausi e commenti dai social.

Adesso che l’ho rivisto posso fare sogni tranquilli. Mi metto a letto e intanto nella mia testa risuona un motivetto che fa: “Tim, tim, tim…”.

Le mie pagelle prima del gran finale:

Chiara, “Nessun posto è casa mia”. Meno convincente rispetto ai primi ascolti. Brano che avrebbe dovuto rilanciarla ma invece pare abbia fatto un passo indietro rispetto a “Straordinario”. Voto 6,5 per la canzone, 8 per la voce.

Samuel, “Vedrai”. La sonorità c’è, le parole anche ma non mi convince a tal punto da drogarmi e ascoltarlo a ripetizione, come sono solita fare. Voto 5.

Ermal Meta, “Vietato morire”. Testo attuale, maturo e profondo. Brano possibile vincitore di questo Sanremo. Voto 8,5.

Michele Bravi, “Il diario degli errori”. Grande originalità vocale, pezzo di spessore. Tra i migliori 5 di questa edizione. Voto 8.

Fiorella Mannoia, “Che sia benedetta”. Grande stile e carica espressiva. Nient’altro da aggiungere. Calca il palco di Sanremo come fosse il piatto doccia di casa sua. Vincitrice di Sanremo? Perché no? Voto 10.

Lodovica Comello, “Il cielo non mi basta”. Attrice, presentatrice, star del web, cantante e chi più ne ha più ne metta. Ci rivediamo quando si decide. Voto 4,5.

Paola Turci, “Fatti bella per te”. Grintosa e decisa, il suo ritorno ci fa sperare che ci sia ancora spazio per la sua musica. Look provocante, reggiseno a vista… ma la materia prima? Voto 6,5.

Marco Masini, “Spostato di un secondo”. Non mi piace e non la volevo in finale. Voto 4.

Francesco Gabbani, “Occidentali’s Karma”. Fantasia e originalità. Lo “scimmione” di Gabbani colpisce ancora e travolge l’Ariston. Non si limita a cantare ma ci regala di volta in volta 3 min di show. Per me ha già vinto. Voto 9.

Michele Zarrillo, “Mani nelle mani”. Classica e dolce. Manca la ventata di novità, un classico che la nuova generazione non apprezza più di tanto. Voto 6.

Bianca Atzei, “Ora esisti solo tu”. Emozionata e innamorata. Tra i pezzi più radiofonici di questa edizione, il brano di Bianca ti si pianta dentro le orecchie e non vuol più uscire. Voto 7,5.

Sergio Sylvestre, “Con te”. Il gigante buono colpisce dritto al cuore. E lì rimane. Una voce che spacca. Voto 7.

Elodie, “Tutta colpa mia”. Gran voce. Brano scritto da Emma ma in questi casi si può ben dire che l’allievo supera il maestro. Voto 7.

Fabrizio Moro, “Portami via”. Graffiante come pochi, pezzo convincente, testo maturo. Tra i miei preferiti. Voto 7,5.

Alessio Bernabei, “Nel mezzo di un applauso. Non classificato. E’ meglio che non commento. Fine. N.C..

Riepilogando, metto per iscritto il mio podio:
1. Fiorella Mannoia – Che sia benedetta
2. Francesco Gabbani – Occidentali’s Karma
3. Ermal Meta – Vietato morire

E quello che invece potrebbe accadere:
1. Ermal Meta – Vietato morire
2. Francesco Gabbani – Occidentali’s Karma
3. Michele Bravi – Il diario degli errori

TUTTI GLI ARTICOLI DI MIRELLA MAGGIO SU SANREMO: clicca qui

Gigi D’Alessio su Twitter: clicca qui

sanremo-2017-mirella-maggio-tivoli-marsala-d-alessio-gabbani-vessicchio

Media

views:
2239
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Ecco il video post-eliminazione di Gigi D'Alessio, non potete perdervi tutta la sua 'eleganza' verbale. Le mie pagelle finali e le previsioni"
MarsalaLive