Rodriquez: “Partecipazione di tutti i marsalesi interessati alle politiche di bilancio del Comune”

Bilancio partecipativo, Aldo Rodriquez: "Il Comune di Marsala riconosce alla cittadinanza il potere di decidere gli indirizzi di una parte della proposta del bilancio di previsione"

Bilancio partecipativo.

Il portavoce del Movimento 5 Stelle Marsala, arch. Rodriquez Aldo Fulvio, premesso che:

– la legge regionale del 28 gennaio 2014, n. 5, pubblicata in G.U. della regione Sicilia del 31 gennaio 2014 anno 68 n. 5 in materia di disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2014. Legge di stabilità regionale) – Capo III Art. 6. “Disposizioni in materia di assegnazioni finanziarie ai comuni” comma 1 rigo n. 11 – prevede quanto segue: “Il gettito così determinato è ripartito tra i singoli comuni in proporzione alla base imponibile IRPEF valida ai fini del calcolo dell’addizionale comunale all’IRPEF. Ai Comuni è fatto obbligo di spendere almeno il 2 per cento delle somme loro trasferite con forme di democrazia partecipata, utilizzando strumenti che coinvolgano la cittadinanza per la scelta di azioni di interesse comune.

– la legge è operativa da gennaio 2014.

Considerato che:

– la legge 7 maggio 2015, n. 9. “Disposizioni programmatiche e correttive per l’anno 2015. Legge di stabilità regionale (capo 2 all’art. 6 comma 2) recita come segue: “Al comma l dell’articolo 6 della legge regionale n. 5/2014 e successive modifiche ed integrazioni, dopo le parole “azioni di interesse comune” è aggiunto il seguente periodo “pena la restituzione nell’esercizio finanziario successivo delle somme non utilizzate…”.

Tutto ciò premesso e considerato, propone il seguente regolamento: Art.1 Finalità ed oggetto; Art.2 Partecipanti; Art.3 Aree tematiche; Art.4 Modalità di partecipazione; Art.5 Revisione del regolamento; Art.6 Entrata in vigore del presente regolamento; Art.7 Pubblicità del regolamento.

Art.1 Finalità ed oggetto
Con il presente regolamento viene disciplinata la sperimentazione del processo di partecipazione pubblica in materia di programmazione economico-finanziaria del bilancio del Comune di Marsala. Tale processo viene definito Bilancio partecipativo. Il Bilancio partecipativo si propone quale strumento innovativo di stimolo e di partecipazione dei cittadini alla vita politica ed amministrativa del proprio territorio. L’attivazione del processo partecipativo è strettamente vincolata al coinvolgimento diretto della cittadinanza e al riconoscimento del cittadino quale protagonista consapevole e responsabile delle scelte relative alla sua comunità di appartenenza. Il Comune di Marsala, pertanto, riconosce alla cittadinanza il potere di decidere gli indirizzi di una parte della proposta del bilancio di previsione, nelle forme definite dal presente regolamento.

Art.2 Partecipanti
Sono coinvolti nel processo di partecipazione tutti i soggetti interessati alle politiche di bilancio del Comune di Marsala, ovvero:
a) tutte le persone fisiche residenti nel territorio comunale e che abbiano compiuto il sedicesimo anno di età;
b) tutte le associazioni, le ditte, gli enti pubblici e privati che abbiano sede legale e/o operativa nel territorio comunale.

Art.3 Aree tematiche
Possono essere oggetto del bilancio partecipativo le politiche pubbliche relative ad una o più aree tematiche scelte tra le seguenti:
a) Ambiente, ecologia e sanità;
b) Lavori pubblici;
c) Sviluppo economico e Turismo;
d) Spazi e Aree Verdi;
e) Politiche giovanili;
f) Attività sociali, scolastiche ed educative, culturali e sportive.
Sono escluse le proposte che pur pertinenti alle aree tematiche predette, incidono negativamente sugli equilibri del bilancio di previsione.

Art.4 Modalità di partecipazione
Il procedimento di bilancio partecipato si struttura nelle seguenti fasi:

• Prima fase – Informazione
La fase iniziale della partecipazione riguarderà l’informazione. Il Comune di Marsala renderà nota la volontà di coinvolgere la cittadinanza al processo di formazione di una parte del bilancio di previsione. L’informazione sarà avviata mediante pubblicazione di un apposito avviso pubblico da far affiggere sul territorio comunale, nonché con l’inserimento dello stesso avviso nella specifica sezione del sito internet del Comune. L’Amministrazione può convocare un’apposita assemblea pubblica per informare i cittadini sull’argomento.

• Seconda fase – Consultazione e raccolta delle proposte
Entro il termine stabilito dall’avviso pubblico, ogni soggetto potrà far pervenire il proprio contributo, sotto forma di osservazioni e proposte, che dovrà essere esplicitato nell’apposita scheda di partecipazione e presentato in base a quanto indicato nell’avviso pubblico stesso. La scheda di partecipazione può essere ritirata negli uffici comunali o scaricata direttamente dal sito internet del Comune. La presentazione delle proposte dovrà essere effettuata con le seguenti modalità:
• tramite invio per posta, mediante raccomandata con ricevuta di ritorno;
• tramite posta elettronica certificata;
• tramite consegna a mano presso l’ufficio protocollo del Comune.

Le proposte devono riguardare esclusivamente le aree tematiche di cui all’art. 3. Ogni soggetto interessato al processo di partecipazione potrà presentare una sola scheda di partecipazione e, per ogni area tematica indicata nella scheda, potrà indicare una sola proposta. Potranno essere, altresì, svolti più incontri pubblici, che costituiranno la sede, oltre che dell’illustrazione sintetica degli atti sottoposti al processo di partecipazione anche della raccolta delle proposte attraverso la compilazione degli appositi moduli messi a disposizione dei partecipanti.

• Terza fase – Valutazione delle proposte.
Le proposte presentate nei termini stabiliti nell’avviso pubblico sono verificate dai tavoli tecnici di approfondimento composti dalle commissioni consiliari coinvolti nell’area delle proposte, dal Sindaco, dagli Assessori.
Le proposte vengono distinte in:
1) Segnalazioni: piccoli interventi di modesta entità che vengono immediatamente trasmessi agli uffici competenti e che non faranno parte del documento di partecipazione;
2) Interventi: opere o interventi di interesse comunale che necessitano di una istruttoria tecnica e di una valutazione di priorità.

I criteri con i quali si valutano le proposte sono i seguenti:
➢ Fattibilità tecnica e giuridica degli interventi;
➢ Compatibilità rispetto agli atti già approvati dal Comune;
➢ Stima dei costi;
➢ Stima dei tempi di realizzazione;
➢ Priorità;
➢ Caratteristica del perseguimento dell’interesse generale;
➢ Caratteristica dell’innovazione;
➢ Compatibilità con i settori di intervento e con le risorse finanziarie a disposizione.

• Quarta fase – Documento della partecipazione.
Le proposte, con esclusione di quelle che risultino in contrasto con la disciplina del regolamento o il cui contenuto non sia pertinente, saranno ordinate e rappresentate in un documento denominato “Documento sulla partecipazione”. Il documento sulla partecipazione predisposto successivamente alla conclusione della fase di valutazione, sarà approvato dalla Giunta Comunale e costituirà parte del progetto del bilancio di previsione da sottoporre all’approvazione del Consiglio Comunale. Il documento sulla partecipazione sarà consultabile sul sito del Comune. Se nel “Documento della partecipazione”, che contiene le proposte presentate dai cittadini che hanno superato la valutazione/studio di fattibilità su descritto, sono presenti proposte tali da non poter essere tutte realizzate per il superamento del limite del budget ed è, dunque, necessaria un’ulteriore scrematura per procedere all’impegno delle somme disponibili, l’amministrazione predisporrà una piattaforma di voto on line per i Cittadini di Marsala. A partire da 15 giorni prima dell’attivazione della piattaforma di voto, ogni Cittadino/a residente a Marsala, che ha almeno 16 anni compiuti, potrà richiedere di essere accreditato al voto, inviando una richiesta tramite email seguendo quanto specificato sul sito comunale oppure presentandosi personalmente all’Ufficio che verrà indicato dall’amministrazione attiva. In entrambi i casi il cittadino sarà identificato attraverso il numero di carta di identità. Ogni cittadino/a accreditato/a potrà votare i progetti finalisti secondo le procedure che verranno indicate dall’amministrazione e che saranno adeguatamente pubblicizzate per raggiungere efficacemente la maggior parte della popolazione, attraverso il sito comunale e con comunicati diffusi almeno a partire da 15 giorni prima delle operazioni di voto. La votazione finale sarà effettuata on-line seguendo la procedura che verrà indicata nel sito istituzionale e dovrà durare almeno 15 giorni. Per i/le Cittadini/e che non dispongono di una adeguata postazione e/o formazione informatica, verrà istituito un servizio di supporto al voto on line presso gli Uffici Comunali che verranno incaricati e opportunamente attrezzati secondo le indicazioni dell’amministrazione attiva, l’esistenza di tali uffici verrà adeguatamente segnalata e pubblicizzata. Votazioni dello stesso/a Cittadino/a successive alla prima verranno escluse dal conteggio. I progetti che avranno ottenuto il più elevato numero di preferenze saranno realizzati dall’Amministrazione Comunale entro le somme indicate. In caso i primi progetti votati non esaurissero il budget ma non ci fosse una risorsa economica rimanente congrua a realizzare il successivo, verranno realizzati i progetti successivi che rientrano nel budget rimanente, rispettando l’ordine della graduatoria.

Art.5 Revisione del regolamento
Le procedure descritte nel presente regolamento hanno natura sperimentale,pertanto il Consiglio Comunale si riserva la facoltà di modificarle dandone comunicazione ai cittadini mediante pubblicazione all’albo pretorio del comune, a norma di legge.

Art.6 Entrata in vigore del presente regolamento
Il presente regolamento entra in vigore alla data di pubblicazione all’albo pretorio dell’Ente.

Art.7 Pubblicità del regolamento
Copia del presente regolamento, a norma dell’art. 22 della legge 7 agosto 1990, n. 241, è tenuta a disposizione del pubblico sul sito web comunale.

Il Consigliere Comunale
Arch. Aldo Fulvio Rodriquez

views:
1495
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Bilancio partecipativo, Aldo Rodriquez: "Il Comune di Marsala riconosce alla cittadinanza il potere di decidere gli indirizzi di una parte della proposta del bilancio di previsione"
MarsalaLive