Indagati per truffa pluriaggravata il vescovo Mogavero, La Piana ed altri 4

Terremoto giudiziario alla Diocesi di Mazara. "Il reato di appropriazione indebita, invece, viene contestato perché il vescovo si sarebbe appropriato di 185 mila 600 euro..."

Marsala – La Diocesi di Mazara nuovamente nell’occhio del ciclone, infatti, lo scorso 17.3.2017 è stato depositato l’avviso della conclusioni delle indagini pendenti contro il Vescovo di Mazara, S.E. Domenico Mogavero, il suo predecessore, Mons. Calogero La Piana ed altri 4. Il reato contestato dal P.M. del Tribunale di Marsala titolare dell’inchiesta, dr.ssa Antonella Trainito, è quello di truffa pluriaggravata e continuata (81 cpv., 61 n. 7 e 11, 110, 640 bis cod. pen.) in concorso a vario titolo con Bartolomeo Fontana, Francesco Scarpitta, Antonino Gaudente e Gaetano Stradella.

I fatti, contestati a tutto il mese di aprile del 2012, farebbero riferimento ai lavori di costruzione del complesso parrocchiale di San Lorenzo Martire di Mazara del Vallo e ai finanziamenti pubblici connessi. Al Vescovo Mogavero inoltre viene contestato il reato di appropriazione indebita aggravata (art. 61 n. 11 e 646 cod. pen.), commesso tra il gennaio 2010 e il dicembre 2011. Stesso reato viene contestato a don Franco Geraldo Caruso, all’epoca economo con delega ad operare sui conti correnti intestati alla Diocesi vescovile di Mazara del Vallo, commesso tra il mese di maggio 2010 e febbraio 2014. A don Caruso vengono contestati anche alcuni episodi di malversazione (art. 316 bis cod. pen.) posti in essere dal 2008 all’aprile 2013. L’avviso di conclusione delle indagini prelude alla richiesta di rinvio a giudizio degli indagati o, a seconda dei casi, alla loro citazione diretta in giudizio.

“Chiederemo un interrogatorio del Vescovo per chiarire quanto oggi viene contestato dalla Procura di Marsala” lo ribadiscono gli avvocati Stefano Pellegrino e Nino Caleca che difendono il vescovo Mogavero, al quale la Procura ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini durate quasi due anni. Sono due le accuse mosse nei confronti del vescovo: la prima per truffa e l’altra per appropriazione indebita. “La prima vicenda – spiegano i legali – ha avuto inizio con la richiesta e l’ottenimento dei finanziamenti alla Regione Siciliana e alla Cei da parte del vescovo Calogero La Piana”. Così spiegano i due avvocati: “I fatti risalgono al 2005, allorquando la Regione Siciliana concesse il contributo di 1.363.415 euro e, nel febbraio 2007, la Diocesi ottenne il finanziamento di 1.474.000 euro da parte della Conferenza Episcopale Italiana per la realizzazione del complesso parrocchiale San Lorenzo a Mazara del Vallo. In particolare, secondo l’accusa, il vescovo La Piana prima e, successivamente, nel corso della realizzazione dell’opera il vescovo Mogavero, non avrebbero comunicato alla Cei il contemporaneo finanziamento della Regione. Ancora, secondo l’accusa, tutto ciò avrebbe determinato la sospensione, o comunque la riduzione, dell’importo finanziato. Però – dicono sempre i due avvocati – la Cei non è stata mai tratta in inganno perché, anche se fosse stata portata a conoscenza del contestualmente contributo regionale, avrebbe ugualmente concesso l’ulteriore finanziamento. Peraltro, la stessa Procura dà atto, per averlo accertato, che nessuna somma è stata oggetto di appropriazione da parte del vescovo Mogavero o degli altri indagati, dato che tutte le somme erogate, sia quelle regionali che della Cei, sono state impiegate regolarmente nella realizzazione dell’opera”. “Il reato di appropriazione indebita, invece, viene contestato perché il vescovo si sarebbe appropriato di 185 mila 600 euro, vicenda per la quale già in una prima fase sono stati prodotti documenti e relazioni a difesa – spiegano i due legali – in particolare, in relazione alla vicenda meno chiara relativa a un bonifico di 100 mila euro, del quale il vescovo contabilmente sarebbe stato il beneficiario, è stato provato, accertato e documentato tramite il codice Iban che il suddetto bonifico risulta addebitato sul conto diocesano acceso presso la Banca Prossima e accreditato regolarmente a Ernesto La Magna (artista che ha realizzato le opere sacre nella nuova chiesa madre di Pantelleria, ndr) sul conto corrente dallo stesso aperto presso la Banca Monte Paschi di Siena – e non su quello del vescovo come dice l’accusa – quale acconto per le spettanze dovute per le opere realizzate per la chiesa di Pantelleria. Si è trattato di un mero errore di redazione della scrittura contabile effettuata da altri”. Gli avvocati Pellegrino e Caleca concludono: “È risultato provato, accertato e documentato da una relazione dettagliatissima che mai il Vescovo si sia appropriato o abbia sottratto, a qualsiasi titolo, alcuna somma di denaro o di altre utilità”.

La nota dei legali del Vescovo
«Chiederemo un interrogatorio del Vescovo per chiarire quanto oggi viene contestato dalla Procura di Marsala». Lo ribadiscono gli avvocati Stefano Pellegrino e Nino Caleca che difendono il Vescovo Domenico Mogavero, al quale la Procura ha notificato l’avviso di conclusione delle indagini durate quasi due anni. L’avviso è stato notificato ad altre sei persone. Sono due le accuse mosse nei confronti del Vescovo: la prima per truffa e l’altra per appropriazione indebita. «La prima vicenda – spiegano i legali – ha avuto inizio con la richiesta e l’ottenimento dei finanziamenti alla Regione Siciliana e alla Cei da parte del Vescovo Calogero La Piana». Così spiegano i due avvocati: «I fatti risalgono al 2005, allorquando la Regione Siciliana concesse il contributo di 1.363.415 euro e, nel febbraio 2007, la Diocesi ottenne il finanziamento di 1.474.000 euro da parte della Conferenza Episcopale Italiana per la realizzazione del complesso parrocchiale San Lorenzo a Mazara del Vallo. In particolare, secondo l’accusa, il Vescovo La Piana prima e, successivamente, nel corso della realizzazione dell’opera il Vescovo Mogavero, non avrebbero comunicato alla Cei il contemporaneo finanziamento della Regione. Ancora, secondo l’accusa, tutto ciò avrebbe determinato la sospensione, o comunque la riduzione, dell’importo finanziato. Però – dicono sempre i due avvocati – la Cei non è stata mai tratta in inganno perché, anche se fosse stata portata a conoscenza del contestualmente contributo regionale, avrebbe ugualmente concesso l’ulteriore finanziamento. Peraltro, la stessa Procura da atto, per averlo accertato, che nessuna somma è stata oggetto di appropriazione da parte del Vescovo Mogavero o degli altri indagati, dato che tutte le somme erogate, sia quelle regionali che della Cei, sono state impiegate regolarmente nella realizzazione dell’opera». «Il reato di appropriazione indebita, invece, viene contestato perché il Vescovo si sarebbe appropriato di 185 mila 600 euro, vicenda per la quale già in una prima fase sono stati prodotti documenti e relazioni a difesa – spiegano i due legali – in particolare, in relazione alla vicenda meno chiara relativa a un bonifico di 100 mila euro, del quale il Vescovo contabilmente sarebbe stato il beneficiario, è stato provato, accertato e documentato tramite il codice Iban che il suddetto bonifico risulta addebitato sul conto diocesano acceso presso la Banca Prossima e accreditato regolarmente a Ernesto La Magna (artista che ha realizzato le opere sacre nella nuova chiesa madre di Pantelleria, ndr) sul conto corrente dallo stesso aperto presso la Banca Monte Paschi di Siena – e non su quello del Vescovo come dice l’accusa – quale acconto per le spettanze dovute per le opere realizzate per la chiesa di Pantelleria. Si è trattato di un mero errore di redazione della scrittura contabile effettuata da altri». Gli avvocati Pellegrino e Caleca concludono: «È risultato provato, accertato e documentato da una relazione dettagliatissima che mai il Vescovo si sia appropriato o abbia sottratto, a qualsiasi titolo, alcuna somma di denaro o di altre utilità».

views:
18474
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Terremoto giudiziario alla Diocesi di Mazara. "Il reato di appropriazione indebita, invece, viene contestato perché il vescovo si sarebbe appropriato di 185 mila 600 euro..."

Polls

Qual è il tormentone dell'estate 2017?

  • Benji & Fede ft. Annalisa - Tutto per una ragione (20%, 46 Voti)
  • Thegiornalisti - Riccione (12%, 28 Voti)
  • Baby K ft. Andres Dvicio - Voglio ballare con te (12%, 27 Voti)
  • Alvaro Soler - Yo contigo, tú conmigo (8%, 18 Voti)
  • Luis Fonsi ft. Daddy Yankee - Despacito (8%, 18 Voti)
  • J-Ax & Fedez - Senza pagare (7%, 17 Voti)
  • Takagi & Ketra ft. Fragola & Arisa - L'esercito del selfie (5%, 11 Voti)
  • Tiziano Ferro - Lento/Veloce (4%, 10 Voti)
  • Francesco Gabbani - Tra le granite e le granate (4%, 10 Voti)
  • Fabio Rovazzi ft. Gianni Morandi - Volare (4%, 9 Voti)
  • Fabri Fibra ft. Thegiornalisti - Pamplona (3%, 7 Voti)
  • Giorgia - Credo (3%, 6 Voti)
  • DNCE ft. Nicki Minaj - Kissing strangers (3%, 6 Voti)
  • Ermal Meta - Ragazza paradiso (2%, 4 Voti)
  • The Chainsmokers & Coldplay - Something just like this (2%, 4 Voti)
  • The Kolors - Crazy (1%, 3 Voti)
  • Enrique Iglesias - Sùbeme la radio (1%, 3 Voti)
  • Marco Mengoni - Onde (Sondr Remix) (1%, 2 Voti)
  • Giusy Ferreri - Partiti adesso (1%, 2 Voti)
  • Katy Perry ft. Migos - Bon appétit (0%, 0 Voti)

Totale Votanti: 231

Loading ... Loading ...
MarsalaLive