L’AMP con il WWF alla scoperta di Levanzo e del Centro di primo soccorso per le tartarughe marine

Presso il Centro, gli escursionisti hanno avuto modo di vedere Teo, una Caretta caretta di circa 20 anni, recuperata sulla costa di San Teodoro, attualmente ricoverata a causa delle ferite provocate...

L’Area Marina Protetta “Isole Egadi” ha accolto a Levanzo e a Favignana, domenica 30 aprile, un gruppo di 48 escursionisti del WWF Sicilia Nord Occidentale, accompagnati per l’intera giornata durante le attività di trekking e in giro per le isole per la migliore conoscenza del territorio e delle sue peculiarità. Al termine della giornata gli escursionisti hanno espresso il loro entusiasmo e ringraziato, uno per uno, i loro speciali “accompagnatori”: Peppe Pisciotta, titolare a Levanzo del diving Atmosphereblu; Martina Gaglioti, biologa dell’Università Roma Tre in servizio presso l’Area Marina Protetta ‘Isole Egadi’ per un progetto, che ha descritto al gruppo l’ambiente, la biodiversità, l’importanza della posidonia e i compiti della stessa AMP; Natale Castiglione, custode della Grotta del Genovese di Levanzo, che ha aperto loro le porte di quel gioiello archeologico unico al mondo, e Giorgia Comparetto, biologa e responsabile operativa del Centro di Primo Soccorso per Tartarughe Marine di Favignana, gestito proprio dall’AMP- anche con la collaborazione del WWF Italia – che li ha guidati all’interno del Centro, descrivendone le attività del centro nelle fasi di recupero, cura e riabilitazione delle tartarughe, nonché le principali minacce a cui sono soggette.

Presso il Centro, situato a Palazzo Florio, gli escursionisti hanno avuto modo di vedere Teo, una Caretta caretta di circa 20 anni, recuperata sulla costa di San Teodoro, attualmente ricoverata a causa delle ferite provocate da un amo da palangaro, che è stato rimosso con un intervento chirurgico, e che, ormai ristabilita, sarà a breve verrà rilasciata in mare. Il Centro, anche grazie al progetto europeo TARTALIFE, sta per diventare un vero e proprio Centro di recupero.

“Siamo lieti di aver ospitato gli amici del WWF – dice il direttore dell’AMP, Stefano Donati – da sempre preziosi alleati dell’area marina protetta. Condividiamo questo turismo sostenibile e responsabile, legato alle attività outdoor, quale il trekking, che in questi luoghi consente di ammirare anche da terra la bellezza di una natura quasi incontaminata”.

AMP-e-WWF-Levanzo-e-Centro-primo-soccorso-tartarughe-marine

AMP-e-WWF-Levanzo-e-Centro-primo-soccorso-tartarughe-marine-

AMP-e-WWF-Levanzo-e-Centro-primo-soccorso-tartarughe-marine.

AMP-e-WWF-Levanzo-e-Centro-primo-soccorso-tartarughe-marine.-

views:
1121
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Presso il Centro, gli escursionisti hanno avuto modo di vedere Teo, una Caretta caretta di circa 20 anni, recuperata sulla costa di San Teodoro, attualmente ricoverata a causa delle ferite provocate...
MarsalaLive