“Contro la mafia, contro i ‘lupi’ che divorano e dividono l’umanità”

Nota di Don Francesco Fiorino in riferimento all'operazione antimafia tra Marsala e Mazara del Vallo

La mafia marsalese, la mafia mazarese, la mafia in provincia di Trapani …”gridano” i media di mezzo mondo… purtroppo la mafia c’è ed esiste e ci sarà come organizzazione criminale, come cultura di morte, di intimidazione e di disprezzo della dignità e della libertà umana, …un pugno di uomini e di donne (5/10 mila in tutta la Sicilia!?…) che hanno smarrito coscienza e ogni orientamento morale non possono farci stare sottomessi, paurosi e schiavi di racket e dell’estorsione.

Dobbiamo prendere ispirazione ed esempio dai quei siciliani e non (da Luigi Sturzo a Peppino Impastato, da Falcone e Borsellino a padre Puglisi…) che hanno dato tutto se stessi per il rinnovamento etico e civile di tutti noi. Per chi crede nella civiltà dell’amore vero e della vita, che proviene dalla testimonianza di Cristo Crocifisso e Risorto, non può restare indifferente o peggio fare discorsi di una disumanità e di un disimpegno complice e farcito di compromessi e di rifugio in vita vuota e comoda. Mi ha impressionato oggi, nell’arresto dei 14 presunti colpevoli di associazione mafiosa e di altri gravi reati, che la maggior parte sono giovani uomini.

Perché ancora alcuni diventano ancora strumenti spietati del male e dell’odio, dello sfruttamento degli altri senza alcuna pietà? Perché molti, pur non essendo parte di organizzazioni mafiose, hanno una mentalità mafiosa, cioè un modo di pensare e di agire guidato dalla menzogna, dal rancore, del fare soldi ad ogni costo, dell’usare l’altro/a solo per un appagamento erotico ed egoistico.., dallo sfruttare chi ha bisogno di lavorare, di curarsi e di mangiare? Dobbiamo, coloro che non siamo mafiosi o complici di essi, educare ed educarci alla responsabilità quotidiana, a provare vergogna quando facciamo finta di non vedere e di non sentire i misfatti e le ingiustizie che osserviamo.

Dobbiamo indignarci e metterci insieme per rimanere liberi veramente, di resistere a chi fa il male ed agisce con violenza e con parole di sfiducia, di maldicenza continua e di qualunquismo. Dobbiamo comprendere che il cambiamento e il migliorare la società e le istituzioni dipende da ciascuno di noi. Io (e ci metto la faccia e le opere che con altri abbiamo realizzato…) dico di no alla mafia, alla corruzione, allo sfruttamento delle persone, al pizzo, a coloro che per scoraggiarti e infangarti cercano nel tuo passato “cadute e limiti”.

Io sto con i magistrati, con i politici, con le donne e gli uomini delle forze dell’ordine, con i cittadini attivi e creativi che quotidianamente si sforzano di offrire il proprio contributo per liberare la nostra esistenza da ogni forma di costrizione, di oppressione culturale ed economica. Io voglio stare per operare la liberazione da coloro che come “lupi” dell’umanità vogliono divorarci e dividerci. Sono convinto che con Dio, nostro Alleato e nostra Luce, vinceremo questa battaglia e continuare a lottare… Tu, voi da che parte volete stare?

Vi aspetto domenica 28 alle ore 17.30 presso il centro di socializzazione e di responsabilizzazione “Con i Giusti di Sicilia” per un percorso concreto di impegni e di riflessioni positive e costruttive. …Uniamo le energie contro la mafia e l’indifferenza… Per info e per partecipare: tel. 393.9114018.

Don Francesco Fiorino

views:
1796
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Nota di Don Francesco Fiorino in riferimento all'operazione antimafia tra Marsala e Mazara del Vallo
MarsalaLive