Marsala, Associazione strutture turistiche: “I lavori a Birgi”

"Ognuno deve fare un piccolo sacrificio personale per rendere quella zona più vivibile, più accogliente e convivere con le belle novità che altre zone del territorio invidiano"

Marsala – Era il 20 luglio dello scorso anno! L’AST in rappresentanza delle strutture turistiche e la Pro Birgi in rappresentanza dei cittadini hanno cominciato a sensibilizzare la nuova Amministrazione Comunale sui vecchi e nuovi problemi che esistono nella zona di Birgi. Problemi vecchi, aggravati dalla presenza di molti turisti, specialmente, nel periodo estivo. Turisti che bisogna accogliere nel migliore dei modi perché sono portatori di ricchezza e di nuove opportunità di lavoro.

Nel frattempo, utilizzano macchine di grossa cilindrata e si muovono a velocità elevata in strade strette dove una volta si passava solo con i carretti. A volte è impossibile incrociarsi senza andare fuori dalla sede stradale. I proprietari dei terreni, giustamente, proteggono le loro proprietà con file di grosse pietre o coni di tufo, Altri occupano le proprietà condominiali con usi esclusivi, ecc.

Percorrendo il lungomare di Spagnola si rischia di essere travolti, specialmente la sera. Le canne che invadono la strada. Manto stradale disconnesso.

In quel 20 luglio abbiamo raccolto le criticità in un progetto consegnato all’A.C. Finalmente l’A.C. in data 5 maggio si è fatta viva con sindaco in testa assessori e dirigenti al seguito per illustrare i lavori già partiti e quelli che nel giro di pochi giorni sarebbero iniziati ed ultimati (quelli più urgenti e con fondi disponibili) prima che scoppi l’estate. Discerbatura e taglio di canne: lavori in itinere.

Cartelli abusivi: bonifica iniziata! Lavori di sistemazione di Via Isola lunga e via Torre Sances: appaltati i lavori e pronti per l’inizio. Il tratto di strada ceduta sarà chiuso e rifatto. Previsto il senso unico su tutto il litorale (Sabato e Domenica fino a tutto giugno e poi tutti i giorni fino a settembre).

La via Torre Sances con senso unico fino alla zona Kyte, con possibilità di uscire alla prima a dx e poi dopo la seconda curva verso via Santa Maria. E poi, segnaletica di sicurezza, limiti di velocità, rallentatori di traffico e permessi speciali per casi particolari. Nella visita dello stato dei luoghi i cittadini hanno mostrato di gradire le scelte dell’A.C. salvo poi aggiustare il tiro se qualcosa non funziona.

Bisogna sicuramente mettere mano a qualcosa. Ognuno deve fare un piccolo sacrificio personale per rendere quella zona più vivibile, più accogliente e convivere con le belle novità che altre zone del territorio invidiano.

Gaspare Giacalone
Presidente Associazione strutture turistiche Marsala

views:
2203
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Ognuno deve fare un piccolo sacrificio personale per rendere quella zona più vivibile, più accogliente e convivere con le belle novità che altre zone del territorio invidiano"
MarsalaLive