Dopo la condanna per pedofilia celebra la messa

Don Turturro: "La gente mi accoglie con affetto" - La Chiesa non lo ha mai sospeso a divinis, malgrado una condanna definitiva a tre anni

Palermo – E’ stato condannato per pedofilia ed ha scontato la pena in carcere. Ed ora don Paolo Turturro, 67 anni, è tornato libero. Vive al Borgo della pace fondato nelle campagne di Baucina (Palermo), e celebra messa nelle chiese della diocesi. La Chiesa, infatti, come ricorda il Giornale di Sicilia che riporta la notizia, non lo ha mai sospeso a divinis, malgrado una condanna definitiva a tre anni. Era parroco della chiesa di Santa Lucia al Borgo Vecchio.

E proprio durante lo svolgimento del suo ministero Turturro è finito al centro di una vicenda di abusi sessuali nei confronti di minori. La Cassazione ha confermato la condanna: fu accusato da due ragazzini che sostennero di essere stati abusati dal prete: uno con un bacio intimo, l’altro con una violenza vera e propria.

“La gente mi accoglie con affetto – dice -. Io ho portato la croce in questi anni con la serenità che Dio è amore e perdono. Fino ad ora non ho incontrato nessuno che si mostrasse scandalizzato del mio ritorno. Ma ho scelto il silenzio”.

views:
1977
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Don Turturro: "La gente mi accoglie con affetto" - La Chiesa non lo ha mai sospeso a divinis, malgrado una condanna definitiva a tre anni
MarsalaLive