Estate Petrosino, Adesso il Futuro: “La Giunta affida la serata di apertura al cognato del sindaco”

"Chi ricopre cariche pubbliche, oltre ad avere l’obbligo di rispettare la legge, ha anche il dovere di attenersi a comportamenti e condotte che rispecchino l’etica pubblica"

Riceviamo e pubblichiamo

Petrosino – Gentile direttore, a volte è necessario soffermarsi su certi comportamenti che accadono sempre con maggiore frequenza all’interno della pubblica amministrazione.

Chi ricopre cariche pubbliche, oltre ad avere l’obbligo di rispettare la legge, ha anche il dovere di attenersi a comportamenti e condotte che rispecchino l’etica pubblica. Il termine etica sta ad indicare, comportamenti, caratteri e consuetudini che assegnano all’individuo uno status deontologico di persona corretta. Aristotele ha definito l’etica, “quella branca della filosofia che studia la condotta degli esseri umani e i criteri in base ai quali si valutano i comportamenti e le scelte”.

Al fine di una valutazione etica vogliamo sottoporre alla sua attenzione fatti che succedono a Petrosino essendo noi delegati al controllo.

Accade che la Giunta comunale di Petrosino (delibera 90 del 21/06/2016) affidi per un importo di qualche migliaio di euro all’associazione Musikè (contattata per le vie brevi, cosi recita la delibera) di organizzare la serata di apertura dell’Estate Petrosilena 2016. E’ fatto risaputo che l’associazione ha come rappresentante legale Antonino Pulizzi e che questo sia cognato del Sindaco Giacalone.

Il sindaco, considerato che si tratta di atti che riguardano parenti ed affini non presiede la giunta e tutto si mantiene nella legalità. Ma noi ci chiediamo è un comportamento etico? E’ opportuno?

Quest’anno accade qualcosa di diverso. L’amministrazione comunale approssima un bando per l’estate dove partecipa chiunque voglia organizzare eventi. Non sono previsti costi, visto che non vi è un bilancio approvato, ma l’amministrazione si impegna (art.6 del bando) a stabilire un contributo per ogni associazione entro dicembre 2017. Il contributo verrà stabilito, si dice nel bando, da funzionari del comune in maniera insindacabile, inappellabile e non impugnabile.

Non era stata ancora adottata alcuna delibera ma già il sindaco Giacalone il 7 luglio, non certo con doti divinatorie,programmava la conferenza stampa di presentazione dell’estate e annunciava trionfalmente che la serata inaugurale si sarebbe svolta il 16 luglio.

Guarda caso, con la delibera 119 dell’11 luglio 2017, sentita una commissione e valutati i criteri, viene affidata l’organizzazione della serata all’Associazione Musikè cui responsabile è Antonino Pulizzi (il cognato).

Ovviamente anche in questo caso il Sindaco non partecipa alla giunta ma partecipa poco dopo alla conferenza stampa, stesso palazzo, stessa giornata.

Noi ci chiediamo: tutto questo è legale? Sicuramente si! E’ etico? E’ degno di chi vuole rappresentare le istituzioni? E’ opportuno?

Alla nostra prima denuncia sui social tuona immediatamente il vice presidente del consiglio comunale ed instancabile sostenitore del Sindaco Giacalone, Francesco Zichittella, che parla di insinuazioni volgarissime (noi riportiamo le delibere) e minaccia azioni legali contro le nostre legittime perplessità che, dallo stesso, vengono definite calunnie e menzogne.

Rispondiamo al Presidente Zichittella che da nessuna parte abbiamo affermato che il comportamento del sindaco sia illegale. Abbiamo solo posto il tema del comportamento etico e di opportunità.

La parola opportunità non viene quasi mai declinata dalla politica e dai politici in relazione al loro agire. Il termine deriva dal latino “oportet” che significa si deve. Opportunità in politica non dovrebbe essere intesa come un optional, ma come imperativo categorico: un’obbligazione morale consistente nel saper discernere.

Chi ricopre cariche pubbliche sappia scegliere quello che è davvero il bene di tutti e sappia rinunciare a far valere punti di vista o interessi, seppur legittimi, ma pur sempre individuali o particolari.

Impegniamoci quindi, non solo ad essere rispettosi della legge, ma anche ad essere eticamente corretti. Impariamo ad essere opportuni.

Gruppo Consiliare “Adesso il Futuro” – Petrosino

views:
4351
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Chi ricopre cariche pubbliche, oltre ad avere l’obbligo di rispettare la legge, ha anche il dovere di attenersi a comportamenti e condotte che rispecchino l’etica pubblica"
MarsalaLive