Si è spento a 32 anni il sorriso di Daniele: era nato a Marsala

"Daniele è stato molto sfortunato. La sua non è stata una vita facile. A 6 anni gli è stato diagnosticato un tumore cerebrale..."

Cervignano – Aveva solo 32 anni Daniele Pantaleo, vinto da un male incurabile contro il quale stava combattendo dall’età di 6 anni. Cervignano piange la scomparsa di un ragazzo pieno di sogni e voglia di vivere, che lascia un figlio di 7 anni. Daniele, Dany per gli amici, noto e stimato nella cittadina friulana, dove abitava, si è spento giovedì sera all’ospedale di Palmanova. Un dolore lacerante per i familiari e per gli amici.

Originaria della Sicilia, la famiglia Pantaleo si è trasferita a Cervignano, per motivi familiari e lavorativi, nel 1990. “Daniele è nato a Marsala – ricorda Calogero – ma la nostra famiglia è originaria di Mazara del Vallo. Nel’90 ci siamo trasferiti a Cervignano pertanto mio figlio è sempre vissuto nel capoluogo della Bassa friulana. Amava profondamente questa terra”.

Il papà Calogero cerca di farsi forza ma non riesce a trattenere le lacrime mentre ricorda suo figlio. «Daniele è stato molto sfortunato – le parole del papà –. La sua non è stata una vita facile. A 6 anni gli è stato diagnosticato un tumore cerebrale. Ne siamo usciti con un intervento e la radioterapia. Dopo 26 anni il male è ricomparso, purtroppo molto più aggressivo. Non abbiamo avuto scampo. Daniele amava la vita e adorava stare con gli amici. Era curioso, educato e pieno di interessi. Adorava la musica, gli piaceva cantare al karaoke e desiderava imparare sempre cose nuove. Aveva anche tanta voglia di lavorare ma non gli è stata offerta un’opportunità. Circa 3 anni fa, una cooperativa gli ha offerto un lavoro per 6 mesi. È stata la sua prima e unica esperienza lavorativa».

Lida, la compagna di Daniele, è straziata dal dolore. «L’ho conosciuto quando era già malato – racconta –. Ci siamo innamorati subito e abbiamo cominciato a lottare assieme. Ogni momento disponibile lo passavano l’una accanto all’altro. Il nostro sogno era di poter andare a vivere assieme, di sposarci e avere dei figli, una cosa che Dany desiderava molto. Era ed eravamo molto felici quando stavamo assieme. Mi diceva sempre che ero la sua vita e di non lasciarlo mai, che avrebbe lottato fino alla fine per noi. Era un ragazzo dolcissimo, buono e sincero». Daniele lascia suo figlio di 7 anni, la compagna Lida, la mamma Caterina, il papà Calogero e quattro fratelli: Soraya, Claudia, Ugo e Gloria. Il funerale sarà celebrato nei prossimi giorni. [di Elisa Michellut – Messaggeroveneto.gelocal.it]

views:
7665
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Daniele è stato molto sfortunato. La sua non è stata una vita facile. A 6 anni gli è stato diagnosticato un tumore cerebrale..."
MarsalaLive