“L’omelia laica di Scalfari”, di Leonardo Agate

"Nella sua lunga omelia laica, il grande giornalista tocca anche l’argomento dei tafferugli avvenuti a Roma con la polizia che ha fatto sgomberare un edificio occupato, in seguito a..."

Sono un cristiano cattolico ma non tanto praticante da andare ogni domenica a messa. Quando ci vado, ascolto le omelie. Oggi che non ci sono andato ho comprato Repubblica e ho letto l’omelia laica di Eugenio Scalfari. Poiché è molto enfatizzata, e poi se ne parla per tutta la settimana, fino all’omelia laica successiva, ogni tanto la leggo per non essere disinformato.

Stamattina Scalfari ha trattato il secolo passato, il ‘900, e ha concluso che è stato un secolo lunghissimo. Di solito, a partire dagli scritti di Giorgio Bocca, una quindicina di anni fa, si diceva che il ‘900 era stato il secolo breve. Gli avvenimenti di quel secolo sono così tanti e enormi che è sembrato impossibile che si fossero verificati in un solo secolo: l’ulteriore evoluzione dell’economia da agricolo – industriale a industriale – agricola; due guerre mondiali, e prima di allora le guerre non erano state mai mondiali; la decolonizzazione; l’affermarsi di due orrendi totalitarismi, il nazismo e il comunismo, oltre a quello al profumo di colonia del fascismo; la nascita dell’Unione Europea; la liberalizzazione mondiale dei commerci; la rivoluzione tecnologica in corso e tante altre cose.

Per Scalfari quel secolo è stato lunghissimo. Ma definirlo lungo o breve, è una banalità. Ogni secolo è costituito da 100 anni, ogni anno da 365 giorni, ogni giorno da 24 ore, ogni ora da 60 minuti, ogni minuto da 60 secondi. Lungo o breve che venga definito un secolo è solo e soltanto un secolo, indipendentemente dagli avvenimenti.

Definito così banalmente il secolo, secondo lui lunghissimo, Scalfari riferisce di una telefonata che ha avuto con il ministro dell’Interno MarcoMinniti, e afferma di essere d’accordo sulla sua politica riguardo all’immigrazione. Concorda con la stretta che il governo ha dato all’immigrazione. Gli extracomunitari sbarcavano a migliaia alla settimana quando alle imbarcazioni delle Ong (Organizzazioni non governative) era consentito di andare a prelevarli fino a pochi chilometri della costa libica, portandoli in Sicilia. Quando alle Ong è stato imposto di non superare il limite delle acque territoriali libiche, il trasbordo è diventato esiguo. I trafficanti hanno allora puntato verso la Spagna, ma la Marina spagnola li ha dissuasi.

La stretta del governo è stata utile. Solo che ha ritardato cinque anni. L’intesa politica tra Scalfari e Minniti (Pd) lascia qualche dubbio. Per esempio, se si considera corretta la svolta restrittiva del governo riguardo ai migranti, si deve considerare sbagliata la politica dei mesi precedenti dello stesso governo Gentiloni, e degli anni precedenti dei governi Renzi e Letta, e del precedente governo Monti.

Ma Scalfari non riferisce se nel colloquio telefonico con il ministro Minniti abbiano toccato il passato fino a poche settimane fa.

Nella sua lunga omelia laica, il grande giornalista, che costringe a essere lunghetto anche me, tocca anche l’argomento dei tafferugli avvenuti a Roma con la polizia che ha fatto sgomberare un edificio occupato, in seguito a una sentenza di giudice. I profughi stavano là da quattro anni. Ci stavano così bene e larghi che, da quello che riferiscono i giornali,si facevano pagare di nascosto da immigrati non profughi e gli davano alloggio. Che dice a tal proposito Scalfari? Dà la colpa al sindaco Raggi, he comanda a Roma da un anno. Il sindaco di Roma, secondo Scalfari, avrebbe dovuto prevedere la scadenza della disponibilità dell’immobile privato, e avrebbe dovuto provvedere per tempo a dove e come ricollocare i profughi e subaffittuari nella società e nel lavoro. Ma Scalfari dimentica che a questo ci potevano ben pensare i predecessori di Raggi al Campidoglio: Il commissario straordinario e il sindaco Marino. In un anno il sindaco Raggi avrebbe dovuto sopperire alle manchevolezze di tre anni di precedenti amministrazioni comunali. Ma per Scalfari il tempo è relativo: un secolo può essere lunghissimo, pur restando un periodo di 100 anni, né più né meno che tutti gli altrisecoli. E, quindi, un anno può esser lunghissimo, pure essendo costituito, come tutti gli altri anni, di 365 giorni.

Leonardo Agate

views:
97
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Nella sua lunga omelia laica, il grande giornalista tocca anche l’argomento dei tafferugli avvenuti a Roma con la polizia che ha fatto sgomberare un edificio occupato, in seguito a..."

Polls

Qual è il tormentone dell'estate 2017?

  • Benji & Fede ft. Annalisa - Tutto per una ragione (20%, 46 Voti)
  • Thegiornalisti - Riccione (12%, 28 Voti)
  • Baby K ft. Andres Dvicio - Voglio ballare con te (12%, 27 Voti)
  • Alvaro Soler - Yo contigo, tú conmigo (8%, 18 Voti)
  • Luis Fonsi ft. Daddy Yankee - Despacito (8%, 18 Voti)
  • J-Ax & Fedez - Senza pagare (7%, 17 Voti)
  • Takagi & Ketra ft. Fragola & Arisa - L'esercito del selfie (5%, 11 Voti)
  • Tiziano Ferro - Lento/Veloce (4%, 10 Voti)
  • Francesco Gabbani - Tra le granite e le granate (4%, 10 Voti)
  • Fabio Rovazzi ft. Gianni Morandi - Volare (4%, 9 Voti)
  • Fabri Fibra ft. Thegiornalisti - Pamplona (3%, 7 Voti)
  • Giorgia - Credo (3%, 6 Voti)
  • DNCE ft. Nicki Minaj - Kissing strangers (3%, 6 Voti)
  • Ermal Meta - Ragazza paradiso (2%, 4 Voti)
  • The Chainsmokers & Coldplay - Something just like this (2%, 4 Voti)
  • The Kolors - Crazy (1%, 3 Voti)
  • Enrique Iglesias - Sùbeme la radio (1%, 3 Voti)
  • Marco Mengoni - Onde (Sondr Remix) (1%, 2 Voti)
  • Giusy Ferreri - Partiti adesso (1%, 2 Voti)
  • Katy Perry ft. Migos - Bon appétit (0%, 0 Voti)

Totale Votanti: 231

Loading ... Loading ...
MarsalaLive