Marsala, Antonino Gerardi: “I rischi per la salute pubblica derivanti da discariche abusive”

"Discariche abusive nascono anche per ignoranza e pigrizia dei cittadini o per l’incapacità (dovute anche da scarsità di risorse) degli Enti Pubblici di garantire i dovuti servizi..."

Marsala – Da diversi anni mi occupo, di segnalare all’amministrazione Comunale di Marsala il cosiddetto “rischio ambientale”. Ho potuto pertanto constatare, con i miei occhi, che un grave problema di sanità pubblica è costituito dalla presenza delle cosiddette “discariche abusive”.

Trattasi queste di discariche di rifiuti, di vario tipo (anche nocivi), realizzate senza alcuna autorizzazione da parte delle Pubbliche Autorità e, pertanto, prive di quei requisiti di sicurezza finalizzati alla tutela della salute dei cittadini. Le discariche abusive nascono, innanzi tutto, per fini di (illecito) lucro.

E’ noto, infatti che lo Stato pone delle tasse (spesso anche salate) per limitare la produzione di rifiuti (oltrechè per sostenere i costi di smaltimento di questi). Lo smaltimento di alcuni rifiuti (ad esempio le lastre ci cemento amianto) è infatti spesso estremamente costoso e complesso dal punto di vista burocratico. Sbarazzarsi dei rifiuti in modo illecito permette di ottenere pertanto un buon risparmio economico, ma a danno della salute di tutti.

Discariche abusive nascono anche per ignoranza e pigrizia dei cittadini (si buttano i rifiuti dove capita anziché servirsi dei competenti servizi pubblici) o per l’incapacità (dovute anche da scarsità di risorse) degli Enti Pubblici di garantire i dovuti servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti.Non è un caso che le discariche abusive proliferano nelle aree più povere e degradate del pianeta.

Le discariche abusive creano, come abbiamo detto, non pochi problemi di sanità pubblica; in particolare:

– la proliferazione di infestanti (topi, ratti, mosche ecc.);

– la produzione di odori sgradevoli;

– l’emanazione nell’aria di gas e vapori novivi;

– la percolazione nel terreno di inquinanti (ad esempio metalli pesanti);

– la possibilità di causare incidenti (ad esempio bambini che si feriscono con pezzi di vetro o metallo);

– il danno paesaggistico.

Infine, non dimentichiamolo, le discariche abusive possono diventare una pericolosa fonte di infezioni. Per combattere la proliferazione delle discariche abusive è opportuno l’impegno di tutti. Innanzi tutto è doveroso che i cittadini esigano che la Pubblica Autorità garantisca:

– campagne di sensibilizzazione ed educazione civica in materia di rischi sanitari derivanti dai rifiuti non correttamente gestiti;

– corretti servizi di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Come cittadini abbiamo tutti il dovere di collaborare con la pubblica autorità per la gestione dei rifiuti, segnalando anche la presenza di eventuali discariche abusive. Assolutamente da evitare l’incendiare i rifiuti abbandonati per eliminare i problemi sanitari.Così facendo si emanano nell’atmosfera gas, vapori e polveri tossiche.

Antonino Gerardi

views:
769
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Discariche abusive nascono anche per ignoranza e pigrizia dei cittadini o per l’incapacità (dovute anche da scarsità di risorse) degli Enti Pubblici di garantire i dovuti servizi..."
MarsalaLive