Marsala, “tagli” alla busta paga dei dipendenti: condannati tre uomini per estorsione

"Se volete, è così. Altrimenti, quella è la porta", sarebbe stata questa la frase che il titolare di uno dei principali supermercati avrebbe detto ai dipendenti che chiedevano il rispetto degli accordi contrattuali

Marsala – L’imprenditore marsalese, Giovanni Costantino (53 anni) è stato condannato a 5 anni e mezzo di carcere per estorsione (“tagli” sulla busta paga) in danno di parecchi dipendenti. Costantino si sarebbe reso responsabile del reato di estorsione ai dipendenti, i quali, percepivano uno stipendio inferiore a quanto dichiarato in busta paga. “Se volete, è così. Altrimenti, quella è la porta”, sarebbe stata questa la frase che il titolare di uno dei principali supermercati di Marsala avrebbe detto a quei dipendenti che chiedevano il rispetto degli accordi contrattuali.

Per lo stesso reato sono stati condannati anche Andrea De Maria (47 anni) e Giuseppe Casano (53). Ad emettere la sentenza è stato il giudice monocratico Lorenzo Chiaramonte. Ad Andrea De Maria sono stati inflitti 5 anni, mentre a Giuseppe Casano 3 anni e 7 mesi.

Secondo l’accusa, Costantino avrebbe “taglieggiato” 11 lavoratori, avrebbe quindi estorto denaro ai lavoratori della Conad. E insieme a De Maria (Costantino come amministratore “di fatto” del punto vendita, De Maria in qualità di “preposto” della società che gestiva lo stesso punto vendita), altri cinque dipendenti. A Costantino e Casano, infine, è stata contestata l’estorsione in concorso in danno di altri 4 dipendenti che lavoravano in un supermercato di contrada Spagnola. Risarcimenti alle parti civili (solo 3 lavoratori su 20 “parti offese” individuate dagli investigatori).

Imputata, c’era, anche la 42enne Rosaria De Pasquale, che però è stata assolta. I fatti si riferiscono al 2009. A difendere i quattro imputati sono stati gli avvocati Stefano Pellegrino e Arianna Rallo.

views:
10441
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Se volete, è così. Altrimenti, quella è la porta", sarebbe stata questa la frase che il titolare di uno dei principali supermercati avrebbe detto ai dipendenti che chiedevano il rispetto degli accordi contrattuali
MarsalaLive