Il sindaco di Petrosino sui lavoratori addetti alla raccolta dei rifiuti e pagamenti degli stipendi

"La situazione è gravissima e totalmente inaccettabile. Pertanto, di comune accordo con i lavoratori e sindacati riteniamo opportuno sospendere ogni ulteriore pagamento all'impresa e..."

Dichiarazione del Sindaco di Petrosino Gaspare Giacalone

Ho incontrato i rappresentati sindacali, i lavoratori addetti alla raccolta dei rifiuti e i rappresentati della SRR (Società Regolamentazione Rifiuti), per affrontare le questione dei pagamenti degli stipendi.

Chiariamo, innanzitutto, che a partire dal 2017 da quando,cioè, si è formalmente avviato l’A.R.O (Ambito Raccolta Ottimale), il Comune di Petrosino ha puntualmente pagato all’impresa – S.N.L. costruzione di Mazara del Vallo, aggiudicataria del servizio raccolta – tutte le fatture per l’intero importo dovuto.

Il problema è, però, che suddetta impresa non ha pagato lo stipendio per intero ma soltanto una parte in modo del tutto unilaterale e arbitrario. Peggio siamo stati informati dai rappresentanti della SRR che la stessa impresa non ha ancora pagato un solo centesimo per gli oneri contributivi.

La situazione è gravissima e totalmente inaccettabile. Pertanto, di comune accordo con i lavoratori e sindacati riteniamo opportuno sospendere ogni ulteriore pagamento all’impresa e di esplorare la possibilità di un’azione sostitutiva al fine di pagare direttamente gli stipendi.

Valuteremo congiuntamente ogni ulteriore azione in tutte le sedi opportune.

Inoltre, è apparso chiaro che questo “modus operandi” è diffuso anche in altre imprese che operano nel territorio della provincia. Una questione che va affrontata, a questo punto, nella sua interezza informando il Prefetto e valutando congiuntamente ulteriori azioni in tutte le sedi opportune.

Una cosa deve essere chiara: vogliamo un servizio pienamente efficiente e contemporaneamente il rispetto dei diritti dei lavoratori.

Il SINDACO
Dott. Gaspare Giacalone

views:
1887
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"La situazione è gravissima e totalmente inaccettabile. Pertanto, di comune accordo con i lavoratori e sindacati riteniamo opportuno sospendere ogni ulteriore pagamento all'impresa e..."
MarsalaLive