ASP, recupero delle somme per mancati pagamenti ticket che abbatterà liste d’attesa

“E’ un provvedimento che abbiamo sollecitato agli uffici non solo per incrementare i ricavi, ma soprattutto perché il recupero crediti per mancata presentazione alla visita o mancata...”

L’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani ha proceduto alla adozione del “Regolamento per il recupero dei crediti, la verifica dell’esenzione ticket in base al reddito, e l’applicazione delle sanzioni”.

Attraverso questo regolamento l’ASP ha disciplinato il recupero delle somme dovute dagli assistiti in tutte le ipotesi di mancato pagamento del ticket, sia per prestazioni ambulatoriali, che per esami, fino al pronto soccorso in codice bianco.

“E’ un provvedimento che abbiamo sollecitato agli uffici – spiega il commissario dell’ASP Giovanni Bavetta – non solo per incrementare i ricavi, ma soprattutto perché il recupero crediti per mancata presentazione alla visita o mancata disdetta dell’esame prenotato, determinerà, per effetto, un abbattimento delle liste di attesa”.

Queste le varie ipotesi per cui l’ASP sta già procedendo:

– prestazioni indebitamente fruite in esenzione: ove i controlli sul contenuto delle autocertificazioni rese dagli assistiti, effettuati sulla base delle informazioni rese disponibili dal “Sistema Tessera Sanitaria” evidenzino l’insussistenza del diritto all’esenzione;

– mancato pagamento del ticket per le prestazioni erogate in regime di pronto soccorso ospedaliero non seguite da ricovero, la cui condizione è stata codificata come codice bianco: gli assistiti non esenti sono tenuti al pagamento di una quota fissa pari a 25 euro, in virtù del D.A. 18 ottobre 2007 “Applicazione del ticket a seguito dell’entrata in vigore della legge Finanziaria dello Stato per l’anno 2007”.

– mancato ritiro dei referti: i cittadini, anche se esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria, che non abbiano ritirato i risultati di visite o esami diagnostici e di laboratorio sono tenuti al pagamento per intero della prestazione usufruita;

– mancata presentazione alla visita o mancata disdetta dell’esame prenotato: l’utente che non si presenti ovvero non preannunci l’impossibilità di fruire della prestazione prenotata è tenuto, ove non esente, al pagamento della quota di partecipazione al costo della prestazione.

E’ stata prevista dal direttore amministrativo Rosanna Oliva l’istituzione di apposito “Gruppo Operativo Recupero Crediti”- incardinato all’interno della U.O.S. Servizio Legale aziendale – preposto a gestire in maniera univoca e centralizzata la materia, ivi compresi il contraddittorio con gli interessati o le eventuali richieste di rateizzazione del credito. A cura del Gruppo si sta predisponendo e aggiornando l’apposita modulistica così da garantire, da un lato, la pedissequa osservanza del regolamento da parte di tutte le articolazioni organizzative aziendali a vario titolo coinvolte, dall’altro adeguata informazione agli utenti in ordine all’attività di recupero.

E’ stata già formalizzata una convenzione tra l’azienda e il concessionario per la riscossione, per l’utilizzo dei relativi servizi on-line, e in particolare per la formazione dei ruoli ai fini della successiva riscossione coatta, come per legge.

Il regolamento è consultabile sul sito web aziendale, nell’apposita sezione.

views:
950
ftf_open_type:
kia_subtitle:
“E’ un provvedimento che abbiamo sollecitato agli uffici non solo per incrementare i ricavi, ma soprattutto perché il recupero crediti per mancata presentazione alla visita o mancata...”
MarsalaLive