Abusi sessuali su minorenni consumati durante riti religiosi: 7 indagati

Avrebbero abusato, con la complicità delle madri delle vittime, sostenendo che il rapporto sessuale "non era un abuso, ma un atto purificatore" compiuto da un "Arcangelo" reincarnato

Catania – La Procura di Catania ha emesso un avviso di conclusione indagini dell’inchiesta ’12 apostoli’ per presunti abusi sessuali su minorenni consumati all’interno di una comunità di ispirazione cattolica. Sono sette le persone raggiunte dal provvedimento, che si proclamano innocenti.

Tra loro il ‘santone’ Piero Alfio Caruana, bancario in pensione di 73 anni, alla guida della comunità che avrebbe abusato di ragazzine di età compresa tra 13 e 15 anni, in alcuni casi con la complicità delle madri delle vittime, sostenendo che il rapporto sessuale “non era un abuso, ma un atto purificatore” compiuto da un ‘Arcangelo’ reincarnato. L’uomo è in carcere.

Avviso di conclusione indagine anche per tre donne, che sono agli arresti domiciliari, ritenute delle fiancheggiatrici del ‘santone’: Katia Concetta Scarpignato, di 57 anni, Fabiola Raciti, di 55, e Rosaria Giuffrida, di 57. Le altre tre persone accusate di favoreggiamento sono l’ex deputato regionale, Domenico ‘Mimmo’ Rotella, padre Orazio Caputo e Salvatore Torrisi.

views:
3438
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Avrebbero abusato, con la complicità delle madri delle vittime, sostenendo che il rapporto sessuale "non era un abuso, ma un atto purificatore" compiuto da un "Arcangelo" reincarnato
MarsalaLive