Al via “Zampogne dal mondo”: tuffo nel folklore e nelle tradizioni d’altri tempi

Le botteghe artigiane con le ceramiche ericine hanno aperto le loro porte e i sapori della buona cucina hanno fatto il resto. Una manifestazione completa e apprezzata per la varietà di eventi offerti

Erice – Numerosi visitatori per la prima giornata dell’edizione annuale di “Zampogne dal Mondo”, Rassegna Internazionale di musiche e strumenti popolari, che continuerà fino a domenica 10 dicembre ad Erice. L’evento, inserito nel programma di “ERICèNATALE – il borgo dei presepi”, promosso dal Comune di Erice in collaborazione con la Fondazione Erice Arte, ha come sempre attirato l’attenzione degli appassionati dell’atavico strumento. Il piccolo borgo di Erice è stato il protagonista e si è trasformato in una vera e propria comunità multi-etnica.

L’evento arricchito dai tipici mercatini natalizi e dai presepi si è aperto ieri con la presentazione ufficiale del programma e con le prime esibizioni dei prestigiosi gruppi che hanno percorso le viuzze e si sono alternati sul palco allestito nella piazza principale del paese. La musica e la tradizione sono state le vere protagoniste. Il festival è scisso in due momenti. Quello culturale con il workshop “A scuola di Zampogna” che si è svolto nel Foyer del Teatro Gebel Hamed ad Erice, oggi 9 dicembre, e che si ripeterà domani mattina, alle ore 10.30, sempre nella stessa location. Il momento ricreativo e scenico prenderà vita, oggi pomeriggio, alle ore 18.00, nella Chiesa di San Martino con l’esibizione di tutti i gruppi e domani pomeriggio, sempre alla stessa ora, in Piazza della Loggia.

Per tre giornate i vicoli, le piazze e ogni angolo del centro abitato, si trasformano in piccoli palcoscenici e anfiteatri all’aperto dove ognuno esprime liberamente la propria arte e il proprio stile musicale. Le botteghe artigiane con le ceramiche ericine hanno aperto le loro porte e i sapori della buona cucina hanno fatto il resto. Una manifestazione completa e apprezzata per la varietà di eventi offerti.

Tante le natività da poter ammirare nei musei, all’interno dei locali e dei negozi, nelle chiese e nei cortili di Erice. Novità di quest’anno proveniente dal Museo Regionale “A. Pepoli” di Trapani: una mostra di statuette settecentesche, realizzate in legno, tela e colla dall’artigiano trapanese Giovanni Matera, una collezione inedita che faceva parte di un gigantesco presepe dell’ordine dei Carmelitani. L’arte presepiale trapanese, che ebbe il suo periodo di massimo splendore tra la fine del XVII ed il XVIII secolo, si avvalse della peculiare tecnica polimaterica del “legno, tela e colla”. Tra le figurine presepiali viandanti, mulattieri, pescatori, artigiani, pastori.

L’esposizione si trova al Polo Museale “A.Cordici” di Erice ed è stata inaugurata alla presenza del sindaco di Erice, Daniela Toscano, del dirigente del settore Cultura del Comune, Salvatore Denaro, del Soprintendente e del direttore artistico della Fondazione Erice Arte, Giuseppe Butera e Piervittorio Demitry, e del direttore del Polo Museale della Provincia di Trapani, Luigi Biondo.

IMMAGINI TELEVISIVE: http://bit.ly/2A5330J

Zampogne-dal-Mondo-ERICèNATALE (3)

Zampogne-dal-Mondo-ERICèNATALE (1)

Zampogne-dal-Mondo-ERICèNATALE (2)

views:
526
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Le botteghe artigiane con le ceramiche ericine hanno aperto le loro porte e i sapori della buona cucina hanno fatto il resto. Una manifestazione completa e apprezzata per la varietà di eventi offerti
MarsalaLive