Intervista ad Enrico Tortorici, il nuovo istruttore di vela della Società Canottieri Marsala

Un curriculum d’eccezione. "Spero che nel giro di qualche anno la nostra società possa sfornare tanti nuovi campioncini e che si possa tornare ad organizzare delle regate di livello internazionale"

Il presidente della Società Canottieri Marsala, Tommaso Angileri, ha nominato Enrico Tortorici alla guida del settore agonistico della vela. Classe 1982, marsalese doc, per dieci anni è stato alla guida del Nic di Catania, diventato uno dei circoli più importanti in Sicilia e in Italia grazie al suo lavoro. In un’intervista Enrico Tortorici racconta il suo percorso agonistico prima come atleta e poi come istruttore.

Quali sono i principali risultati ottenuti nella sua carriera da velista?
“Come atleta sono riuscito a conquistare, nella classe Optimist, una partecipazione ad un campionato mondiale in Sudafrica, un campionato sudamericano in Uruguay, un campionato europeo a squadre, un titolo di campione siciliano e numerosi piazzamenti nelle regate più prestigiose. Nella classe 420, sono stato diverse volte campione siciliano, ho partecipato a tre campionati mondiali e a due campionati europei, gareggiando contro campioni del calibro di Luca Bursic e Mattia Pressich riuscendo a piazzarmi sempre tra i migliori. Ho concluso la mia carriera nella classe Olimpica 470 posizionandomi nella top ten ai Campionato italiani classi Olimpiache prima di intraprendere la carriera universitaria”.

Quali sono invece i principali risultati ottenuti nella sua decennale carriera di allenatore?
“In questi anni di attività oltre ad aver vinto tutti i titoli siciliani in tutte le categorie giovanili, sono riuscito a far guadagnare ai miei velisti ben tre medaglie d’argento ai campionati nazionali a squadre classe optimist, numerosi risultati sia a livello nazionale che internazionale nella classe laser e nella classe optimist. Proprio in quest’ultima, per diversi anni ho avuto uno dei gruppi più numerosi e più forti di tutta Italia”.

Adesso per Enrico Tortorici si è aperto un nuovo capitolo. Da qualche settimana, infatti, è il nuovo istruttore di vela della Società Canottieri Marsala.

Cosa pensa di questo nuovo incarico?
“Sono molto contento. Lascio a Catania un pezzo di cuore, una squadra meravigliosa e fortissima e delle persone splendide che mi hanno sempre supportato fino all’ultimo giorno del mio incarico. Il mio obiettivo adesso è sicuramente di poter ripetere i successi ottenuti in questi dieci anni di attività anche con gli atleti della squadra di vela della società Canottieri. I presupposti ci sono tutti. Sono lusingato da questa nuova opportunità. Ringrazio il presidente Angileri per avermi dato l’incarico, e il direttore sportivo Mario Noto, nonché mio “vecchio” avversario in classe Olimpica 470, per la fiducia e la stima che ha riposto su di me. Colgo l’occasione per fargli sapere che la stima è reciproca e che lo considero, dopo di me ovviamente, uno dei migliori velisti che il nostro territorio abbia saputo esprimere”.

Quali sono i primi obiettivi in qualità di allenatore della squadra di vela della Canottieri?
“Battute a parte, spero che nel giro di qualche anno la nostra società possa sfornare tanti nuovi campioncini e che si possa tornare ad organizzare delle regate di livello internazionale in modo da attrarre i migliori atleti e diventare base per gli allenamenti anche per le classi olimpiche. Marsala è uno dei campi di regata più belli al mondo, sia paesaggisticamente che come condizioni climatiche e i forti venti che a volte mettono tecnicamente a dura prova. Con molta umiltà ma con altrettanta determinazione bisogna rimboccarsi le maniche e ripartire dai corsi indirizzati ai bambini. Abbiamo già degli atleti di livello, su cui sicuramente bisogna dedicare la giusta attenzione, senza mai però dimenticare il fine ultimo che è quello di avvicinare quanti più giovani atleti a questo meraviglioso sport che è la vela”. [Comunicato]

views:
553
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Un curriculum d’eccezione. "Spero che nel giro di qualche anno la nostra società possa sfornare tanti nuovi campioncini e che si possa tornare ad organizzare delle regate di livello internazionale"
MarsalaLive