Tentava di estorcere denaro a imprenditori locali: arrestato 67enne dai Carabinieri

"Nei mesi di settembre e ottobre dello scorso anno, l’indagato si recava presso due imprese olivicole, richiedendo ai titolari la somma di 30.000 euro. Entrambi gli imprenditori..."

Castelvetrano – Nel pomeriggio di ieri 13 febbraio 2018, a Pontenure (PC) i Carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa a carico di: Calogero Randazzo, 67enne di Campobello di Mazara, pastore e già noto alle forze dell’ordine.

Grazie ad attività d’indagine svolta dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Castelvetrano, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, è stato possibile documentare numerosi e convergenti elementi indiziari a carico del Randazzo in ordine a più tentativi di estorsione perpetrati a imprenditori castelvetranesi.

Nello specifico, nei mesi di settembre e ottobre dello scorso anno, l’indagato si recava presso due imprese olivicole castelvetranesi, richiedendo ai titolari la somma di 30.000,00 €uro. Entrambi gli imprenditori opponevano un secco diniego. Nella notte del 29 ottobre, tuttavia, venivano danneggiate con colpi di fucile cal.12 le autovetture di proprietà delle vittime, parcheggiate nei pressi dei loro fabbricati industriali e a distanza di quaranta minuti l’una dall’altra.

Grazie all’attività d’indagine svolta da quest’Arma – dispiegata anche mediante servizi d’intercettazione e strumentazioni tecniche –, nonché alla collaborazione delle vittime, era possibile ricostruire gli eventi e raccogliere indizi di colpevolezza a carico del Randazzo.

Quest’ultimo veniva localizzato ieri in provincia di Piacenza, e tratto in arresto con la collaborazione dei Carabinieri della locale Compagnia. Al termine delle formalità di rito il Randazzo veniva associato alla casa circondariale “Le Novate”, a disposizione dell’A.G. mandante.

views:
1902
ftf_open_type:
kia_subtitle:
"Nei mesi di settembre e ottobre dello scorso anno, l’indagato si recava presso due imprese olivicole, richiedendo ai titolari la somma di 30.000 euro. Entrambi gli imprenditori..."
MarsalaLive