La Sigel Marsala Volley perde in casa contro la Millenium Brescia

Interrompe così la striscia di risultati positivi che l’aveva portata a un paio di punti da quel terz’ultimo posto che vuol dire salvezza

Marsala – La Sigel perde in casa contro la Millenium Brescia e interrompe la striscia di risultati positivi che l’aveva portata a un paio di punti da quel terz’ultimo posto che vuol dire salvezza. Sull’onda dell’entusiasmo e dell’accresciuta autostima le azzurre sono state punite aldilà dei parziali dei tre set, restando fuori dal match soltanto nel secondo. Il risultato quindi evidenzia sì la forza della squadra ospite, ma lascia l’amaro in bocca alla Sigel per un andamento di gara sicuramente strano e condizionato dalla bravura delle lombarde, ingigantite dal carisma di Simona Gioli e capaci di pigiare sull’acceleratore nei momenti topici della partita.

Starting six: Campisi manda in campo Agostinetto in palleggio, Perry opposto, Facchinetti e Furlan centrali, Merteki e Rossini di banda e Marinelli libero. Mazzola risponde con Prandi in cabina di regia, Decortes opposto, Gioli e Veglia centrali, Dailey e Villani schiacciatrici e Parlangeli nel ruolo di libero.

La gara: la Sigel inizia senza timori reverenziali e le azzurre provano subito a fare la partita. Tre punti consecutivi di una precisa Merteki lanciano così la squadra di casa (3-1), tra l’entusiasmo del pubblico del PalaBellina. Il vantaggio regge, mentre Brescia – che come dirà alla fine coach Enrico Mazzola “aveva preparato la gara proprio sul momento magico delle lilybetane” – si limita a controllare i danni dell’impatto con la partita. Incide parecchio anche la prestazione di Rebecca Perry che confeziona il 9-7 con un potente ace. Brescia rimonta con Gioli (9-9), ma quello delle padrone di casa non appare solo il fatuo fuoco di paglia. Visto che Facchinetti rilancia subito (10-9), seguita a ruota ancora da Evangelia Merteki, oggi davvero positiva come nelle giornate migliori. Suo è il punto del 13-10. Il primo tempo di Eleonora Furlan, che confeziona il 15-11, forse illude un po’ tutti. La Millenium recupera lo svantaggio tutto d’un fiato, con un break di 4 punti. Quindi la Sigel, che prova a reggere la reazione avversaria, prova a non perdere distanza. Ma regge fino al 17-17. L’allungo decisivo delle bresciane è tanto impetuoso quanto impietoso. Con otto punti consecutivi, le ragazze di Mazzola chiudono i conti e il set (17-25). L’ultima palla la mette a terra Decortes che mura un attacco azzurro. La seconda frazione è quella più scontata: la Sigel non riesce a reggere oltre il minimo necessario l’onda d’urto delle Millenium. Le azzurre restano in partita fino al 4-3, realizzato da Rebecca Perry. Poi le lombarde prendono il largo, azzeccando il momento migliore che va a coincidere con la fase di scoramento delle padrone di casa. Sette punti di break (4-11) con l’americana Dailey al servizio, sono interrotti da una conclusione di Jessica Ventura (5-11) che però non illude nessuno più di tanto. Né fa sperare nel miracolo l’accenno di rimonta, che riduce il divario fino al 12-15. Appare evidente, in questi frangenti, la superiorità delle bresciane. Che, punto dopo punto, senza esitazioni di sorta, anche con l’ingresso di Norgini al posto di Dailey, mandano in porto il set. Con Francesca Villani che nel finale sale sugli scudi e realizza gli ultimi tre punti (16-25). La terza frazione rende comunque onore alla Sigel, che riesce a lottare punto a punto con le avversarie, facendo sperare fino alla fine nella riapertura del match. Le azzurre reggono il vantaggio, portandosi avanti di quattro punti (11-7), con un muro della Furlan. Almeno fino a quando ancora l’americana Dailey non riagguanta il pareggio (12-12). Ma la Sigel non ci sta e continua a lottare indomitamente, ritornando avanti di due punti (18-16), grazie a due punti consecutivi di Fabiola Facchinetti (fast ed ace) che costringono coach Mazzola a chiamare il time-out e mandare in campo l’ex di turno Angela Gabbiadini. La Gioli pareggia (18-18), ma Jessica Ventura, che gioca dall’inizio del set al posto di Perry, mette a terra la pipe del 19-18. Sul 21-22 (muro di Decortes), Campisi si gioca il tutto per tutto: fuori la stoica Rossini, dentro Rebecca Perry. Sul 22-22 si decide il set e l’incontro: è ancora la pluridecorata Simona Gioli, top-scorer della partita, a chiudere la storia con due punti, inframezzati da quello del 23-24 realizzato da Perry.

SIGEL MARSALA – SAVALLESE MILLENIUM BRESCIA 0-3 (17-25/ 16-25/ 23-25)

SIGEL MARSALA VOLLEY: Mucciola, Cazzetta (L), Furlan 5, Rossini 8, Merteki 10, Marinelli (L), Agostinetto, Murri, Facchinetti 5, Ventura 7, Perry 7 – All. Ciccio Campisi

SAVALLESE MILLENIUM BRESCIA: Canton, Norgini, Bortolot, Angelini, Dailey 6, Gioli 16, Villani 14, Parlangeli (L), Prandi 4, Gabbiadini, Veglia 12, Decortes 8 – All. Enrico Mazzola

Arbitri: Roberto Pozzi, Frederick Moratti
Spettatori ca.150

views:
299
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Interrompe così la striscia di risultati positivi che l’aveva portata a un paio di punti da quel terz’ultimo posto che vuol dire salvezza
MarsalaLive