Grande partita e vittoria Libertas: il play-off va a gara 3

Grande tensione, tantissima adrenalina, gioco maschio, punteggio quasi sempre in equilibrio con Alcamo che nel secondo periodo tocca +8. Una battaglia vinta dai padroni...

Difficile raccontare una gara e un pomeriggio come quello andato di scena al “PalaTreSanti”. Provandolo a fare non si può sorvolare sulla grande prova di carattere della squadra e sul meraviglioso pubblico che, lasciando l’abbonamento a casa, ha sostenuto la Libertas con ardore e con una presenza numericamente elevata.

Grande tensione, tantissima adrenalina, gioco maschio, punteggio quasi sempre in equilibrio con Alcamo che nel secondo periodo tocca +8. Una battaglia, anzi una guerra, vinta dai padroni di casa, con grandi meriti ma con tanta fatica, che consente di andare a gara 3, a Ragusa fra una settimana, per giocarsi l’accesso alle semifinali.

Il finale del match è stato davvero da “infarto”. Mancano appena otto secondi al termine della gara e Ragusa, sotto di una lunghezza, va in lunetta con Sorrentino, cecchino infallibile ed esperto capitano della squadra. Il cestista ibleo fa 0 su 2 e poi, su un tocco a rimbalzo di Trevisano e Ferlito, il pallone risale sul ferro, vi gira intorno, fa un paio di balzi ed esce incredibilmente fuori. Coach Di Gregorio dispone quindi il fallo immediato che arriva su Calò a poco meno di 4 secondi dalla fine. Il top-scorer del match non fallisce, porta la Libertas al successo (66 – 63) e gli ospiti a tentare il tiro della disperazione da tre punti con Carnazza: traiettoria troppo corta e il “PalaTreSanti” esplode.

Il match era andato avanti con grande equilibrio anche se proprio Alcamo ha provato diverse ad allungare: +6 con un avvio al fulmicotone (8 – 2 dopo appena due minuti di gara), +8 a metà del secondo periodo e poi ancora otto punti di vantaggio a quattro minuti dal termine. Dal suo canto Ragusa non ha mollato mai ed è sempre rimasta viva grazie alle triple di Carnazza, Licitra e Sorrentino. Gli iblei hanno avuto il loro miglior momento nel terzo periodo, come finora sempre capitano nei precedenti tre incontri con Alcamo, andando avanti, 41 – 36, a metà tempo.

La Libertas, però, non intende tradire il suo pubblico e si rilancia con una “tripla” di Genovese, un tiro piazzato di Bottiglia, la fisicità e l’enorme cuore di Trevisano, un paio di recuperi di Guaiana, i “soliti” Andrè e Calò nonostante la loro situazione falli.

Match caldo e nervoso, ma molto corretto, con falli tecnici a coach Ferrara e al giovanissimo colored Simon. La coppia arbitrale ha dovuto sudare parecchio per tenere in pugno una gara trasformatasi, a tratti, in un costante contatto fisico. Vero agonismo e vero sport: al termine della contesa tutti a stringersi la mano e le centinaia di spettatori ad esultare.

Domenica, al “PalaZama”, gara 3 e nuove emozioni. Nessuno, infatti, vorrà arretrare di un sol centimetro e le squadre viste in campo, di carattere ne hanno da vendere.

LIBERTAS – BASKET CLUB RG 66 – 63 (1°18-14, 2°11-12, 3°18-21, 4°19-16) progressivo 18-14, 29-26, 47-47, 66-63

ALCAMO: Genovese 3, Bottiglia 6, Calò 18, Trevisano 12, Milana ne, Andrè 13, Guaiana 2, Manfrè 4, Provenzano 4, Amato 4, Agrusa, Accardo ne. Coach: Vincenzo Ferrara.

RAGUSA: Casaupruno ne, Vacirca, Girgenti 4, Simon 3, Idrissou 16, Comitini ne, Dinatale 2, Licitra 10, Carnazza 11, Ferlito, Canzonieri 7, Sorrentino 10. Coach: Massimo Di Gregorio.

views:
214
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Grande tensione, tantissima adrenalina, gioco maschio, punteggio quasi sempre in equilibrio con Alcamo che nel secondo periodo tocca +8. Una battaglia vinta dai padroni...
MarsalaLive