Marco Rizzo presenta alla “Mazzini” il libro “Peppino Impastato un giullare contro la mafia”

L’evento rientra nell’ambito delle attività previste dal progetto legalità, organizzato in collaborazione con la libreria Mondadori. Protagonisti gli alunni della Scuola diretta da Franca Donata Pellegrino

Iniziativa dal valore altamente formativo quella che si è svolta giovedì 5 aprile presso il Complesso Monumentale San Pietro, dove Marco Rizzo ha presentato agli studenti della scuola secondaria di primo grado “G. Mazzini” il suo libro “Peppino Impastato un giullare contro la mafia”.

L’evento, che rientra nell’ambito delle attività previste dal progetto legalità, è stato organizzato in collaborazione con la libreria Mondadori e ha visto protagonisti gli alunni della Scuola Secondaria di 1° grado “G. Mazzini”, diretta da Franca Donata Pellegrino.

Presenti all’incontro anche Linda Licari, rappresentante dell’associazione Libera Marsala, e l’Assessore alla Pubblica Istruzione Annamaria Angileri, che ha ribadito la necessità di educare alla legalità non come retorica ma come pratica di vita quotidiana.

Moderatore dell’incontro è stato il prof. Daniele D’ Eletto che ha coordinato le attività insieme ad Emilia Di Marco della terza A e a Sofia Culicchia della terza I. Tanti gli interventi dei ragazzi, che sono stati intervallati dalla lettura del “Pizzino della legalità”di Felicia Impastato da parte di Elena Morsello, Sonia Vanella, Luca Milazzo, Marco Petrelli, Geraldina Pellegrino, Irene De Martino e Giulio Culicchia della terza I, e da un’emozionante esecuzione alla chitarra del brano “The house of the rising sun”, colonna sonora del film “I cento passi”, ad opera di Bruno Giacalone.

Molto pertinenti e puntuali le domande che hanno riguardato non solo la vita di Peppino Impastato e l’eredità che ha lasciato alle generazioni future, ma anche gli aspetti tecnici della stesura di una graphic novel e lo stile narrativo dell’autore.

A pochi giorni dal quarantesimo anniversario dell’assassinio di Peppino Impastato, l’incontro ha voluto consegnare ai ragazzi la storia di Peppino attraverso il racconto dinamico che ne fa il giovane giornalista Marco Rizzo. Lo scopo dell’incontro è stato quello di indurre gli studenti a “marciare” sui passi di chi, come Peppino nel lontano 9 maggio del 1978, ha palesato il suo “No” alla mafia mettendo a nudo quelle verità che tutti vedono ma che solo pochi hanno il coraggio di denunciare.

views:
409
ftf_open_type:
kia_subtitle:
L’evento rientra nell’ambito delle attività previste dal progetto legalità, organizzato in collaborazione con la libreria Mondadori. Protagonisti gli alunni della Scuola diretta da Franca Donata Pellegrino
MarsalaLive