Clickoso - Soluzioni di marketing digitale
Clickoso - Soluzioni di marketing digitale

E’ morta Maria Luisa Famà, l’archeologa diresse per diversi anni il Parco archeologico di Marsala

Era in pensione dal 2015. Il cordoglio del Sindaco Alberto Di Girolamo: "Con lei scompare una figura di primo piano dell’archeologia regionale. Malgrado il breve periodo durante il quale..."

Marsala – E’ morta a Palermo la dottoressa Maria Luisa Famà, validissima archeologa, già Dirigente di servizio presso il parco archeologico ambientale delle Isole dello Stagnone e delle aree archeologiche di Marsala e dei Comuni limitrofi; nonché Direttore del Museo Pepoli di Trapani per diversi anni e componente del Centro Studi Fenicio-punico.

Con lei scompare una figura di primo piano dell’archeologia regionale – sottolinea il Sindaco Alberto Di Girolamo. Malgrado il breve periodo durante il quale abbiamo collaborato, io come Sindaco e lei come direttore del Parco Archeologico di Lilibeo, ho avuto modo di apprezzarne la grande professionalità, la dedizione al lavoro e il grande amore che nutriva per la nostra città e per il suo patrimonio archeologico. Un amore che l’ha spinta addirittura, lei che era nativa di Palermo, ad acquistare casa e a trasferire la sua residenza a Marsala. Il mio rammarico è anche quello della Giunta Municipale”.

Cordoglio viene espresso anche dal Consiglio comunale. “A nome dell’Assise civica di palazzo VII Aprile desidero esprimere il mio cordoglio alla famiglia Neil – Famà per la perdita della loro cara Maria Luisa che ho avuto modo di conoscere e apprezzare in diverse occasioni – precisa Enzo Sturiano, presidente del Consiglio comunale. Il suo impegno per la valorizzazione archeo-culturale della nostra città è stato sempre massimo”.

La dottoressa Famà dopo il pensionamento era stata eletta presidente dell’Associazione “Amici del Parco di Lilibeo”.

Maria Luisa Famà

views:
1175
ftf_open_type:
kia_subtitle:
Era in pensione dal 2015. Il cordoglio del Sindaco Alberto Di Girolamo: "Con lei scompare una figura di primo piano dell’archeologia regionale. Malgrado il breve periodo durante il quale..."
MarsalaLive